Europa, Mondo, Spagna

Itinerario di viaggio in auto in Andalusia

Il viaggio in auto Andalusia è stato uno dei più belli affrontati fin’ora. Ho pensato quindi di ripercorrere i chilometri macinati lungo le strade andaluse, sperando che il nostro itinerario in auto in Andalusia possa esservi d’aiuto nell’organizzazione di un eventuale futuro viaggio in Spagna.

Itinerario di 7 giorni in auto nel Sud della Spagna

Il nostro è stato un viaggio breve, solo 7 giorni, e ad avere avuto più tempo a disposizione avremmo girato molto di più, toccando più città. Quindi prendete questa mappa-itinerario più come un riferimento sul quale ricamare tutti gli itinerari che più si addicono ai vostri gusti e al vostro tempo, che come un percorso da ricalcare di sana pianta. Anche perché si sa che una volta in viaggio (e ancora di più quando si fa un tour in auto) possono subentrare tante variabili che vi porteranno a modificare il vostro programma aggiungendo tappe intermedie o rinunciando a qualche programma che avevate fatto da casa.

Giorno 1 – Malaga – Granada

Il nostro volo atterrava a Malaga quindi il nostro tour è iniziato da questa città di mare che però abbiamo solo “sfiorato” con una rapida salita al Castillo de Gibralfaro e una passeggiata lungo la spiaggia della Malagueta.

Poi abbiamo proseguito per Granada dove avevamo già prenotato il nostro albergo: abbiamo iniziato percorrendo la strada costiera per ammirare seppur dall’auto la Costa del Sol, ma ben presto l’eccessivo traffico ci ha rallentati al punto da stufarci e farci decidere per una deviazione nell’entroterra. Questo cambio di programma ci ha portati ad attraversare colline dapprima brulle, poi punteggiate dagli ulivi: un panorama inaspettato che ci ha accompagnati fino a Granada.

Leggi il diario del nostro primo giorno del tour in Andalusia

Tapas a Granada

Tapas a Granada

Alhama de Granada

Alhama de Granada

Malaga Panorama

Malaga Panorama

Giorno 2 – Granada

Il secondo giorno l’abbiamo dedicato interamente all’esplorazione di Granada, una città mozzafiato dove le influenze arabe – e non solo – si sentono intensamente ovunque: nel mercato, nell’Albayzin, nella bellissima Alhambra ed in ogni angolo dell’antico centro storico.

Già da casa avevamo prenotato i nostri biglietti per visitare l’Alhambra, cosa che consiglio a chiunque di fare con un po’ di anticipo in modo da non rischiare di non riuscire a visitare questo edificio meraviglioso.

Leggi il diario del nostro secondo giorno del tour in Andalusia

Alhambra di Granada

Alhambra di Granada

Alhambra di Granada

Alhambra di Granada

Alhambra di Granada

Alhambra di Granada

Giorno 3 – Ronda

La mattina del terzo giorno siamo partiti per Ronda, un’antica città conosciuta soprattutto per il suo grandissimo ponte situato su uno strapiombo, ma anche per altri aspetti, in primis per la corrida! Qui c’è la più antica Plaza de Toros di Spagna (sembra che la corrida sia nata proprio qui), e anche un’importantissima scuola di equitazione.

Prima di sera siamo poi ripartiti alla volta di Jerez de la Frontera dove abbiamo soggiornato per qualche giorno sfruttando la posizione strategica di questa città per esplorare le città vicine e per goderci un po’ di mare.

Leggi il diario del nostro terzo giorno del tour in Andalusia

Il ponte di Ronda

Il ponte di Ronda

Giorno 4 – Cadiz e Jerez de la Frontera

Partendo da Jerez de la Frontera ci siamo diretti a Cadiz dove abbiamo trascorso buona parte della giornata passeggiando tra i vicoli di questa città bianca che come un’isola collegata alla terra ferma da una lingua di terra se ne sta in mezzo all’oceano arsa dal sole.

Per gli amanti del mare Cadice può anche essere la città dove soggiornare per poi spostarsi alla scoperta dei dintorni (noi abbiamo scelto Jerez, ma anche Cadiz sarebbe potuta andare bene!) anche perché qui c’è il mare con una bella e lunga spiaggia di sabbia bianca e l’intrattenimento serale tipico delle località di mare spagnole.

Nel pomeriggio siamo rientrati ad Jerez che abbiamo scoperto essere una città estremamente interessante, patria dello sherry (si possono fare visite alle cantine), del flamenco (si può assistere agli spettacoli) e dei cavalli (oltre ad ospitare un importante circuito dove si svolgono spesso grand prix di moto da corsa).

Leggi il diario del nostro quarto giorno del tour in Andalusia

Cadice

Cadice

Cadice

Cadice

Giorno 5 – Conil de la Frontera e Vejer de la Frontera

Giorno dedicato al mare, o meglio all’oceano, finalmente! Dopo tanto visitare  decidiamo di regalarci una giornata total relax in una delle spiagge andaluse scegliendo quella di Conil de la Frontera.

Stesi al sole con il pueblo blanco alle nostre spalle e l’immensità dell’oceano davanti ai nostri occhi ci rilassiamo nella spiaggia libera e ci abbrustoliamo per un po’ accanto agli spagnoli, che preferiscono svegliarsi tardi e scendere a prendere il sole solo in tarda mattinata.

Nel pomeriggio cerchiamo riparo dal sole accecante in un pueblos blanco non distante da Conil, Vejer de la Frontera, molto caratteristico arroccato su una collina con le sue case bianche ed i fiori colorati ad adornarle. Trascorriamo lì il resto del nostro pomeriggio per poi tornare a Jerez e concludere la serata tra tapas, birra e sherry.

Leggi il diario del nostro quinto giorno del tour in Andalusia

La spiaggia di Conil de la Frontera

La spiaggia di Conil de la Frontera

Vejer de la Frontera

Vejer de la Frontera

Vejer de la Frontera

Vejer de la Frontera

Day 6-7 – Siviglia

La mattina del penultimo giorno in tour per l’Andalusia abbiamo lasciato il nostro accogliente albergo di Jerez per raggiungere l’ultima destinazione del nostro viaggio da dove poi avremmo ripreso l’aereo per rientrare in Italia: Siviglia.

Gli ultimi due giorni li abbiamo trascorsi  a spasso per la città, facendoci rapire dalla bellissima Piazza de Espana con le sue magnifiche azulejos, gustando cene a base di manicaretti locali, adascoltando le struggenti note del flamenco e gli spettacoli improvvisati nei bar.

Leggi il diario del nostro sesto giorno del tour in Andalusia

Leggi il diario del nostro settimo giorno del tour in Andalusia

Siviglia

Siviglia

Siviglia

Siviglia

Cosa non abbiamo visto ma avremmo voluto vedere

Per motivi pratici (logistici e di tempo) non abbiamo visto tutto quello che desideravamo vedere: Cordoba in primis, purtroppo troppo al di fuori del nostro itinerario, Tarifa, spiaggia amata dai surfisti che qui cavalcano le onde dell’oceano Atlantico, il Parco della Doñana, un’area protetta dove vivono tantissimi animali e dove fare birdwatching.

Cosa non abbiamo visto perché non abbiamo voluto vederlo

Ci sono anche delle mete che abbiamo evitato consapevolmente: la zona costiera che si estende da Malaga a Gibilterra in quanto ci sembrava un susseguirsi di città senza un’anima con grandi palazzoni per accogliere i vacanzieri e dove dedicarsi esclusivamente alla vita da spiaggia senza nulla di più, e poi Gibilterra stessa, che ci era stata sconsigliata perché ci era stato detto che lì ci avrebbero accolto solo scimmie invadenti.

Siete alle prese con l’organizzazione del vostro viaggio in auto in Andalusia oppure siete appena tornati e volete lasciarmi le vostre impressioni su questa terra magica qui sotto tra i commenti?