Collaborazioni, Italia, Trentino Alto Adige

Rifugi gustosi tra Paganella e Dolomiti di Brenta

Rifugio.

Una parola che racchiude molto: un luogo innanzitutto, un posto dove ripararsi in situazioni di pericolo, ma anche dove puoi trovare accoglienza, calore ed ospitalità.

I rifugi in montagna nascono per dare riparo alle persone che si trovano a fare passeggiate, trekking, sciate, sono luoghi legnosi di solito, alcuni sono moderni altri meno, ma tutti hanno quella nota rustica che sa tanto di montagna. Sono posti dove ti senti a tuo agio, caldi, dove ti puoi riparare dal freddo e dalla neve che imperversano all’esterno, sono luoghi di convivialità.

E profumano di cibo buono, di panini abbrustoliti e formaggio fuso.

Se vi trovate nei dintorni di Andalo e Molveno, state sciando sulle piste e volete fare una pausa oppure volete trascorrere una serata un po’ diversa vi segnalo tre posti carini dove “rifugiarvi” e scoprire i gusti della cucina trentina.

Rifugio La Roda – Cima Paganella m. 2125

Questo rifugio si trova in alto, sulla Cima Paganella ed è trafficatissimo di sciatori e snowboarders che fanno una sosta per un panino o un bombardino.

All’esterno c’è un piccolo chiosco che fa panini, ma all’interno è possibile fare pranzi completi a base di prodotti tipici e a volte anche a km zero. Dai mega taglieri di affettati accompagnati da conserve e verdurine sottolio fatte in casa ai primi e secondi a base di carne o di pesce (sì, ci sono anche i piatti di spaghetti con gli scampi o le ostriche e champagne: trovare piatti a base di pesce a 2125 m di altitudine mi ha lasciata un po’ interdetta).

Rifugio La Roda - Cima Paganella

Rifugio La Roda – Cima Paganella

Lasciando da parte i piatti a base di pesce mi concentrerei su quelli tradizionali: polenta, formaggio fuso e funghi, spezzatini di carne, zuppe calde, carne salada “home made”… Il tutto reso ancora più bello dalla vista sulle montagne! Infatti se riuscite a trovare un posticino nella sala di sinistra che ha tante vetrate potrete mangiare con vista sul panorama, godervi il sole che splende se la giornata è bella o la neve che cade sopra di voi de il meteo è così così.

Sito web

Rifugio La Roda - Cima Paganella

Rifugio La Roda – Cima Paganella

Rifugio La Montanara – Pian di Tovre m. 1525

Il Rifugio La Montanara si trova sulle piste da sci e si raggiunge da Molveno tramite la seggiovia del Croz dell’Altissimo. E’ un posto molto semplice e rustico e non è solo perfetto per chi vuole farsi una bella mangiata, ma anche per chi vuole pernottare in un luogo diverso, immerso nella natura e nelle montagne, al cospetto di un meraviglioso cielo stellato. Infatti La Montanara affitta anche delle camere per gli ospiti.

Rifugio La Montanara - Molveno

Rifugio La Montanara – Molveno

Rifugio La Montanara - Molveno

Rifugio La Montanara – Molveno

Cena tipica ovviamente, con piatti a base di prodotti tipici trentini, come gli gnocchi fatti con le patate blu del Bleggio, i formaggi tipici, la polenta di Storo e altre golosità. Non perdetevi (qui ma nemmeno in tutti gli altri posti qui menzionati) i buonissimi taglieri di antipasti a base di salumi e formaggi.

La sera è possibile raggiungere La Montanara per la cena grazie al gatto delle nevi del rifugio che da Andalo porta gli ospiti a gruppi di 10-12 fino alla baita percorrendo strade nevose in mezzo al bosco.

Rifugio Meriz – Fai della Paganella m. 1447

Il rifugio Meriz è stato da pochissimo riaperto dopo una ristrutturazione che l’ha messo a nuovo. Ampio e luminosissimo, il colore caldo del legno che ricopre ogni superficie riscalda l’atmosfera, lo si raggiunge dalla seggiovia di Fai della Paganella.

All’ingresso un grande bancone ed un piano soppalcati, a destra e a sinistra due sale, una per i clienti del bar, l’altra per i clienti del ristorante, anche dotata di un caminetto di fronte al quale fermarsi per bere un aperitivo.

Il ristorante offre piatti della tradizione trentina rivisti e reinterpretati dallo chef. Ovviamente gli ingredienti sono tutti locali e quanti più possibile a chilometro zero.

Non perdetevi i dolci alla fine, specialmente la deliziosa crema catalana.

RIfugio Meriz - Fai della Paganella

RIfugio Meriz – Fai della Paganella

RIfugio Meriz - Fai della Paganella

RIfugio Meriz – Fai della Paganella

RIfugio Meriz - Fai della Paganella

RIfugio Meriz – Fai della Paganella

Qui sotto altri due rifugi molto diversi l’uno dall’altro sulle Dolomiti di Brenta, affacciati sulle piste di Madonna di Campiglio.

Chalet FIAT – Monte Spinale m. 2104

Nel pieno stile di Madonna Campiglio un rifugio brandizzato FIAT con tanto di Panda cingolata all’esterno e merchandising in vendita all’interno.

Il locale è un misto di fashion e trendy (in effetti si chiama “chalet” mica “rifugio” come gli altri): da un lato il self service con tanti tavoli a disposizione della clientela – soprattutto sciatori – che fanno una pausa dalle piste a pranzo, dall’altro lato una piccola saletta privé dove la clientela é molto più ricercata , così come la cucina: si servono ottimi piatti in un’atmosfera di grande charme.

Chalet Fiat - Madonna di Campiglio

Chalet Fiat – Madonna di Campiglio

Non perdetevi gli enormi taglieri di antipasti a base di salumi, formaggi, trota e salmerino, le verdurine sottolio e la mostarda, ma anche i primi piatti e i secondi a base di carne e polenta.

Lo chalet FIAT si raggiunge comodamente con la cabinovia che sale al Monte Spinale dal centro di Madonna di Campiglio.

Sito web

Chalet Fiat - Madonna di Campiglio

Chalet Fiat – Madonna di Campiglio

Chalet Fiat - Madonna di Campiglio

Chalet Fiat – Madonna di Campiglio

Chalet Fiat - Madonna di Campiglio

Chalet Fiat – Madonna di Campiglio

Chalet Fiat - Madonna di Campiglio

Chalet Fiat – Madonna di Campiglio

Malga Montagnoli – Monte Spinale m. 1805

Malga Montagnoli si trova lungo le piste di Madonna di Campiglio al termine della salita con la cabinovia Nube d’Argento che parte da Campo Carlo Magno. Anche qui (come al Rifugio La Montanara di Andalo) organizzano le cene con gatto delle nevi: il gatto preleva i clienti al parcheggio di Campo Carlo Magno e li conduce su, lungo la pista, fino al rifugio.

La malga è molto accogliente: nella zona bar c’è un bel caminetto centrale attorno al quale sedersi a bere una bevanda calda o un aperitivo, mentre al piano superiore c’è il ristorante con molti posti a sedere.

Per cena non mancano i classici (ed irrinunciabili) antipasti, così come i primi piatti (orzotti, spaetzle) e i secondi a base di carne e polenta. Per finire una super fetta di strudel non ce la toglie nessuno.

Sito web

In tutti questi posti si mangia benissimo e le porzioni non sono mai scarse, quindi il vostro pranzo o la vostra cena potrebbero rivelarsi piuttosto impegnative: state solo attenti a non appesantirvi troppo nel caso poi dobbiate continuare la giornata sulle piste da sci!

Se cercate altre informazioni sulla cucina trentina e gli eventi collegati visitate la pagina tematica sul blog del Trentino.