Collaborazioni, Italia, Liguria

Le tante facce di Genova

Poche volte l’ho vista e quelle poche volte mi sono fermata al porto, tanto da arrivare a pensare che Genova fosse tutta lì, tra barche attraccate, l’acquario ed i venditori che una volta ti vendevano i braccialetti ed oggi i bastoni per i selfie.

Il porto è tanta parte di Genova, ma non solo.

Genova città viva e multiforme

Mi sono sorpresa a scoprire una città multiforme, ricca e variegata, piena di storia e di vita. Fatta da un lato di persone di tante nazionalità diverse e dall’altra di genovesi DOC con la loro parlata, con le proprie tradizioni, con un grande attaccamento nei confronti della propria città.

A volte Genova sa essere un po’ rude come le mani dei pescatori, cupa come i suoi vicoli, ma è al contempo solare ed aperta come il suo mare, cordiale come una vecchina gentile.

Una città contraddittoria, ed è questo che la rende unica ed attraente.

Genova è il Porto Antico.

Antica repubblica marinara, città di mare e di marinai, il Porto Antico è sempre stato un grande brulichio di persone, nazionalità, lingue e merci diverse.

Piazza del Caricamento, proprio di fronte al famosissimo Acquario di Genova era la piazza in cui si caricavano e scaricavano le merci che da qui partivano alla volta delle più disparate destinazioni nel Mediterraneo. Un tempo il livello dell’acqua qui era decisamente più alto, livello che si può ancora vedere se si osserva bene il colonnato alla base dei palazzi che si affacciano sulla piazza.

Sotto i portici di Via di Sottoripa si susseguono una dopo l’altra piccole botteghe di lunga data – dal pescivendolo al venditore di frutta secca. Sono le Botteghe Storiche di Genova che ancora sopravvivono numerose in città convivendo con i negozi alla moda e bancarelle che vendono prodotti di provenienza asiatica.

Porto Antico di Genova

Porto Antico di Genova

Botteghe in Via di Sottoripa

Botteghe in Via di Sottoripa

Genova è nei vicoli di Pré.

Pré è uno dei tanti quartieri di Genova, il più popolare. Un tempo zona malfamata oggi si è un po’ risollevato diventando più accessibile non solo a chi visita la città ma anche agli stessi genovesi.

Questa la zona di Genova raccontata da De Andrè nelle sue canzoni: palazzi altissimi e poco distanziati gli uni dagli altri, vie strette e sempre in ombra dove a fatica entrano i raggi del sole.

Una quotidianità fatta di signore che acquistano la verdura nelle bancarelle ai lati delle strade, turisti che curiosano tra le vie, prostitute che passeggiano in pieno giorno tra i vicoli. Un mix di umanità che colpisce e disorienta e che ti fa innamorare di questo quartiere che è vivo e pulsante.

Gli alti palazzi di Pré

Gli alti palazzi di Pré

genova-4

Genova è botteghe storiche.

Sarà per i vicoli stretti e pedonali che rendono il centro storico di Genova (il più grande centro storico medievale d’Europa) accessibile quasi solo a piedi, ma le Botteghe Storiche in città sopravvivono nonostante nel resto d’Italia e del mondo sembra che questi pezzi di storia cittadina finiscano piano piano per soccombere alla impetuosa globalizzazione e alla concorrenza delle grandi catene.

A Genova le botteghe sono una componente importante della vita cittadina e punteggiano i vicoli della città con le loro insegne sbiadite e la loro atmosfera retrò.

Dalle macellerie, ai venditori di frutta secca, dalle botteghe di caramelle, ai bar/pasticcerie, dai barbieri, alle farmacie. E poi le pollerie e le friggitorie. Sono davvero tante e varie e quando ci entri dentro ti sembra di aver viaggiato con il teletrasporto.

C’è anche un sito nel quale sono elencate tutte le Botteghe Storiche di Genova, io vi segnalo la Pasticceria Liquoreria Marescotti Cavo, storicamente della famiglia Marescotti, oggi è di proprietà del signor Cavo che fa convivere con grande soddisfazione l’antica tradizione Marescotti con la specialità di famiglia, gli amaretti di Voltaggio. Fermatevi a mangiare un amaretto o a bere un caffè e fate due parole con il signor Cavo che sarà felicissimo di raccontarvi la storia del suo locale.

Pasticceria Liquoreria Marascotti Cavo

Pasticceria Liquoreria Marascotti Cavo

Pasticceria Liquoreria Marascotti Cavo

Pasticceria Liquoreria Marascotti Cavo

Genova è i rolli.

Se non sapete cosa siano i rolli non preoccupatevi, non li conoscevo nemmeno io, ma sono una parte molto importante della storia di Genova.

I rolli sono palazzi che erano di proprietà delle più ricche famiglie di mercanti della città e che in passato venivano utilizzate come alberghi per accogliere personalità importanti in visita a Genova: i rolli diventavano delle specie di hotel per papi, principi, re ed altre personalità dell’epoca.

Proprioperché dovevano esaltare la ricchezza ed il potere dei proprietari e per il tipo di persone che dovevano adibiti ad ospitare i rolli sono delle abitazioni estremamente sfarzose, arricchite di dipinti, affreschi ed arredi.

Anche se da fuori sembrano palazzi quasi anonimi e che si mimetizzano con gli altri edifici che li circondano, non lasciatevi trarre in inganno, gli interni sono meravigliosi.

Oggi i rolli sono patrimonio UNESCO e sono visitabili nei “Rolli days” (solitamente verso la fine di maggio).

Genova è signorile.

Genova è una città rinchiusa tra monti e mare, un po’ come l’intera Liguria. Questo fa sì che che le case stiano strette ed ammassate a costeggiare per chilometri la costa, risalendo – fin dove possibile – la montagna alle spalle del mare.

Mano a mano che ci si sposta a Genova si scoprono nuovi lati di questa città: dai quartieri popolari di Pré si arriva a quelli più signorili e di epoca più recente dove i palazzi sono più moderni, risalenti all’Ottocento o ai primi del Novecento, le strade sono più ampie e le piazze più imponenti ed ariose.

Una faccia diversa di questa Genova così popolare che mi ero quasi abituata a vedere negli stretti vicoli. Più ordinata, pomposa e signorile. Dopo le strade strette con i panni stesi alle finestre e le vecchie botteghe questo lato della città mi destabilizza e mi fa prendere atto dell’infinita multiformità di questa città.

genova-9

Genova è Boccadasse.

Boccadasse è uno dei quartieri di Genova, un piccolo borgo marinaro con case color pastello aggrappate ad uno sperone di roccia, una piccola spiaggia di sassi che nella bella stagione diventa la destinazione di mare più vicina per i genovesi.

Ristorantini di pesce affacciati sul blu o sui piccoli vicoli che sanno di salso. Pesce fresco appena pescato da chi con forza d’animo e una grande passione ogni giorno – tempo permettendo – esce in mare con il suo gozzo a pescare.

Boccadasse è una piccola gemma colorata che profuma di mare.

Boccadasse

Boccadasse

Genova è mare.

Il cerchio si chiude. Genova è mare. Il mare è una componente che non ti abbandona mai quando visiti la città, perché il mare fa la storia di Genova, è sempre presente nella vita quotidiana dei genovesi.

Ti svegli la mattina e lo iodio ti riempie i polmoni, volgi lo sguardo e anche solo con la coda dell’occhio riesci a scorgere uno scorcio di blu.

Genova puoi vederla dal mare, su un barca: dal traghetto che ti porta in Corsica, alla nave da crociera che salpa per mete lontane, ad una semplice barca a vela che con calma seguendo il soffio del vento costeggia la città conducendoti fino a Portofino, o le Cinque Terre da un lato, o verso Savona dall’altro.

In barca a vela ti scorrono davanti case aggrappate alla roccia – che non ti sorprendi poi tanto che alla prima alluvione rischino di venir risucchiate verso il mare – ville enormi immerse nel verde, sopraelevate brutte da vedere ma fondamentali per unire i paesi in un territorio così difficile, natura che fa a pugni con l’urbanizzazione…

Cullati dal mare blu, incrociando di tanto in tanto qualche pescatore in un gozzo o un’altra vela navighiamo sul Golfo di Genova arrivando fino alla colorata Camogli accompagnati da ArundelYachting che organizza vacanze in barca ed escursioni partendo dal Porto Antico di Genova.

Genova dalla barca a vela

Genova dalla barca a vela

Il promontorio di Portofino

Il promontorio di Portofino

Mi cullo nel ricordo di Genova, una città multiforme, multicolore, multiculturale.