Austria, Dog friendly, Europa, Mondo

48 ore a Salisburgo: cosa visitare

Salisburgo è una città relativamente piccola che non richiede molto tempo per essere visitata: bastano solo 48 ore per apprezzarne le attrazioni principali mentre dovete avere molto più tempo a disposizione se oltre alla città volete visitarne anche i dintorni.

Salisburgo: la città di Mozart

Quando penso a Salisburgo la prima cosa che mi viene in mente è Mozart: infatti il grande compositore austriaco nacque e visse buona parte della propria vita proprio qui. Tutto o quasi a Salisburgo rimanda a lui: dalle case da visitare (quella dove è nato e quella dove è vissuto), alle Mozartkugeln comunemente conosciute come palle di Mozart che sono i dolcetti a lui dedicati, ai souvenir, ai numerosi concerti che si svolgono in città e che si ricollegano alla tradizione operistica.

Mozartkugeln, le palle di Mozart

Mozartkugeln, le palle di Mozart

Eppure Salisburgo non è solo questo, è anche il Salzach, il fiume che attraversa la città, le colline che la dominano (la Moenchsberg e la Kapuzinerberg), la fortezza di Hohensalzburg ed i castelli… Qui di seguito vi faccio una lista delle attrazioni secondo me più interessanti da non perdere in una vacanza di 48 ore a Salisburgo.

Fortezza di Hohensalzburg

La fortezza è una dei complessi fortificati più grandi d’Europa, in nove secoli non è mai stata espugnata (considerate però che venne “regalata” a Napoleone). Si raggiunge con una comoda funicolare o a piedi percorrendo una salita piuttosto impegnativa. Una volta in cima la vista sulla città dai bastioni è spettacolare!

Hohensalzburg, Salisburgo

Hohensalzburg, Salisburgo

All’interno della fortezza è possibile effettuare una visita guidata con audioguida alla galleria, alla camera delle torture e al cammino di ronda: è un percorso della durata di circa 30 minuti ed è disponibile in varie lingue.

E’ anche possibile visitare gli appartamenti del principe vescovo che lasciano a bocca aperta per la ricchezza dei decori.

Vista dai bastioni della Hohensalzburg

Vista dai bastioni della Hohensalzburg

Per i possessori di cani è possibile salire con i propri amici a quattro zampe sulla funicolare solo se tenuti al guinzaglio e con museruola, i cani piccoli possono essere tenuti in braccio (a me hanno chiesto di mettere la museruola a Lola, che poverina, non ha nemmeno il muso!). Alla fortezza i cani sono ammessi nelle aree esterne ma non all’interno.

Hohensalzburg, Salisburgo

Hohensalzburg, Salisburgo

I giardini di Mirabell

Mirabell è un castello situato in centro città con dei magnifici giardini. Personalmente ho saltato la visita al castello ed ho preferito perdermi tra i fiori e le curate aiuole del suo parco, in particolare il roseto che nel periodo di primavera-estate è al massimo della sua fioritura.

Mirabellgarten, Salisburgo

Mirabellgarten, Salisburgo

Prendetevi un po’ di tempo per passeggiare con calma tra i sentieri nel verde ed i tunnel di vegetazione come se foste dame e cavalieri proiettati in un’altra epoca.

Mirabellgarten, il roseto

Mirabellgarten, il roseto

Petersfriedhof

Il Petersfreidhof è un cimitero situato all’esterno del Duomo di St. Peter. Si tratta di un cimitero molto curato, con tombe gotiche, statue ed inferriate che proteggono le cappelle di famiglia: una piccola oasi nella città, un luogo di silenzio e riflessione… Silenzio che viene spezzato solo dal rumorosissimi rintocchi delle campane.

Petersfriedhof, SAlisburgo

Petersfriedhof, SAlisburgo

Petersfriedhof, SAlisburgo

Petersfriedhof, SAlisburgo

Moenchsberg

Di questa collina vi ho già parlato ampiamente quando vi ho raccontato del nostro tour di Salisburgo in bicicletta. In cima ad essa c’è il nuovissimo Museo di Arte Moderna e c’è anche una bella vista sulla città: da qui a piedi o in bici si può proseguire per una passeggiata nel bosco fino ad arrivare alla Fortezza di Hohensalzburg.

Vista dalla Moenchsberg

Vista dalla Moenchsberg

La casa natale di Mozart

La casa natale di Mozart si affaccia sulla Getreidegasse, la via dei negozi in pieno centro. Qui nel 1756 nacque Mozart.

Oggi la casa appartiene alla fondazione Mozarteum che l’ha trasformata in un museo che racchiude pezzi della vita di Mozart e della sua famiglia: dalle fotografie e ritratti agli strumenti musicali, a documenti e lettere.

La casa dove visse Mozart

Ancora giovane Mozart si trasferì con la famiglia in una casa più grande, non molto distante da quella natale, sulla Marktplatz. Anche questa casa è aperta per le visite al pubblico ed anche qui si possono trovare pezzi di vita del grande compositore e musicista salisburghese.

Il negozio delle uova decorate

Meno culturale rispetto ai precedenti ma rimane una meta fissa di ogni viaggio a Salisburgo che si rispetti: è il negozio delle uova decorate. Si trova sulla Getreidegasse, la via dello shopping cittadino dove ogni attività mostra all’ingresso la propria insegna in ferro battuto.

Il negozio delle uova è aperto tutto l’anno ma nei periodi pasquale e natalizio è frequentatissimo perché in tanti, dai turisti ai local, si recano qui per acquistare uova decorate e colorate con le quali decorare i propri alberi di Natale o pasquali. Le uova non sono economiche, ma sono meravigliose, e se cercate un souvenir questo luogo è il posto perfetto per trovarne uno originale e hand made.

La Salzburg card

Per risparmiare sui costi d’ingresso alle attrazioni di Salisburgo è possibile acquistare una carta, la Salzburg card. Questa carta può essere della durata di 24, 48 e 72 ore (e avere prezzi diversi a seconda della durata ovviamente) e permette a chi la possiede di accedere gratuitamente a moltissime delle attrazioni principali di Salisburgo, inoltre garantisce l’accesso gratuito ai mezzi pubblici.

Salzburgcard

Salzburgcard