Austria, Europa, Viaggi in camper

4 giorni in camper a Salisburgo e ai laghi

salisburgo in camper

L’Austria è una meta relativamente vicina al nord d’Italia che può essere facilmente raggiunta grazie ai collegamenti autostradali e allo stesso tempo regala magnifici paesaggi naturali che vanno dalle creste delle montagne, alle valli verdi, a città ricche di storia e cultura, a castelli che fanno la guardia a vallate e valichi.

Itinerario tra città e natura

Per un weekend lungo abbiamo scelto di recarci a Salisburgo in camper volendo unire la vitalità di una città dalle lunghe tradizioni con i paesaggi del Salzkammergut, costellati da laghi, boschi e natura elevata alla massima potenza.

Laghi Salzkammergut

Laghi Salzkammergut

Vi anticipo che quattro giorni sono troppo pochi per godersi quello che questo land austriaco avrebbe da offrire, ma dato che è sempre difficile trovare un periodo lungo di pausa dal lavoro per partire abbiamo dovuto adattarci alle esigenze e cercare di sfruttare al massimo questi quattro giorni accettando di avere solo un assaggio di Salzkammergut per tornare con più calma più avanti.

Inoltre personalmente avevo già visitato Salisburgo in camper ed il Salzburgerland con la mia famiglia quando ero più piccola quindi so bene quante altre cose si sarebbero potute fare.

Giorno 1 – Arrivo in camper a Salisburgo e visita alla Hohensalzburg

Arrivati a metà mattina con il camper a Salisburgo abbiamo parcheggiato il camper al Panorama Stadtblick, un camping situato a nord della città proprio fuori dall’autostrada. Nonostante l’autostrada sia così vicina non ce ne si accorge proprio ma sembra piuttosto di stare in mezzo alla campagna austriaca. Al camping ci sono tutti i servizi necessari (docce, bagni, lavabi per il lavaggio stoviglie, carico e scarico, pane e dolci freschi la mattina, ristorante e birreria), la pista ciclabile è a 50 mt. e la fermata del bus che conduce in centro è a 150 mt.

Salzburgcard

Salzburgcard

Abbiamo acquistato la Salzburg card per 24 ore e ci siamo recati in centro con il bus: abbiamo visitato la fortezza di Hohensalzburgin circa 2 ore e mezza approfittando della funicolare per salire e scendendo a piedi.

Hohensalzburg, Salisburgo

Hohensalzburg, Salisburgo

Tornando verso il centro abbiamo fatto una passeggiata al Petersfriedhof, il cimitero adiacente alla chiesa di St. Peter, che ci ha colpiti per quanto era curato e per l’atmosfera gotica.

Petersfriedhof, SAlisburgo

Petersfriedhof, SAlisburgo

Una passeggiata tra i negozi della Getreidegasse, tra cui numerosi negozi di souvenir dove per sfizio abbiamo assaggiato le Mozartkugeln (decretandole non particolarmente adatte ai nostri gusti) ed infine una birra in uno dei bar dall’altro lato del fiume.

Approfondisci qui se cerchi un itinerario di 48 h a Salisburgo.

Giorno 2 – Visitare Salisburgo e Hellbrunn

La mattina siamo partiti con il solito bus in direzione Hellbrunn, il castello dei giochi d’acqua che si trova appena fuori Salisburgo. Approfittando di una coincidenza tra bus in centro ci prendiamo il tempo per visitare i giardini di Mirabell, un altro castello situato in centro città vicino al fiume Salzach.

Con panini nello zaino e un Bretzel comprato al volo in un panificio saliamo sul secondo bus che dal centro città ci porta ad Hellbrunn. Ad Hellbrunn le visite sono solamente guidate (in inglese e tedesco) e partono ogni 15 minuti circa: aspettiamo l’inizio della nostra visita guidata con un pranzo al sacco nei giardini, un grande parco aperto a tutti.

Hellbrunn, Salisburgo

Hellbrunn, Salisburgo

Hellbrunn, Salisburgo

Hellbrunn, Salisburgo

Quindi seguiamo la guida tra le fontane ed i giochi d’acqua nel giardino del palazzo con una piccola Lola che impazzisce abbaiando ogni volta che le persone applaudono e che curiosa ma anche un po’ impaurita gioca con gli spruzzi d’acqua.

Terminato il breve giro rimaniamo per un po’ a rilassarci su una panchina del parco prima di riprendere il bus che ci riporta al camper.

Relax al parco di Hellbrunn

Relax al parco di Hellbrunn

Ripartiamo nel pomeriggio in sella alle nostre bici ed esploriamo il centro e la Moenchsberg sulle due ruote.

Giorno 3 – In camper al Wolfgangsee

Partiamo al mattino da Salisburgo e ci dirigiamo verso il Salzkammergut, il distretto dei laghi salisburghese. Superiamo campagne verdissime e mozzafiato e raggiungiamo il primo lago che incrociamo sulla nostra strada, il Fuschlsee, vorremmo fermarci ovunque ma trovare un parcheggio comodo e gratuito per il camper non è facile, bisogna per forza fermarsi ad un campeggio, quindi tiriamo dritto fino al Wolfgangsee e ci fermiamo al Camping Berau che ci era stato consigliato dal proprietario del campeggio di Salisburgo.

Kayak al Wolfgangsee

Kayak al Wolfgangsee

Qui ci mettiamo comodi e ci godiamo il relax della vita lungo il lago prendendo il sole in spiaggia (sul prato a dire la verità) e facendo kayak.

Prima di sera inforchiamo le biciclette per un giro d’esplorazione in città a St. Wolfgang: acquistiamo qualche wurst locale e torniamo al camper con il nostro ricco bottino per una cena local nella nostra casetta.

Giorno 4 – Ancora Wolfgangsee

L’ultima mattina del nostro viaggio ci godiamo il sole di questa ultima giornata di relax prima di rientrare alla vita di tutti i giorni. Si potrebbero fare ancora tante passeggiate, escursioni in bicicletta, pagaiate sul lago (se cercate informazioni su cosa fare al Wolfgangsee leggete questo articolo).

Wolfgangsee

Wolfgangsee

Rientriamo in Italia con una classica sosta a Tarvisio.

Informazioni utili

Acquistate la vignetta per transitare nelle autostrade austriache: un ticket per 10 giorni costa € 8,70 sia che viaggiate in auto che in camper.

Oltre al costo della vignetta dovrete calcolare anche il costo del pedaggio per l’attraversamento del valico dei Tauri.

Il costo della benzina nel Salisburghese è molto più economico dell’Italia (Diesel attorno ai 1,10 al litro).

Per la visita a Salisburgo vi consiglio di valutare l’acquisto della Salzburg card disponibile per 24, 48 o 72 ore.


🐘 Iscriviti alla newsletter e continua a viaggiare con noi! 🐘