Collaborazioni, Enogastronomia, Italia, Puglia

A caccia di street food a Bari

antica salumeria da Nicola

Penso alla Puglia e mi vengono in mente pomodorini secchi, orecchiette fatte a mano, melanzane sottolio e panzerotti fumanti.

Ma è dopo aver combinato queste delizie regionali con le tradizioni del centro storico di Bari che l’esperienza culinaria Pugliese è completa, come mettere una ciliegina sulla torta.

Lo street food sembra una cosa moderna o esotica, street food mi fa venire in mente i food truck di New York ed i mercati variopinti della Thailandia, ma in realtà non c’è nulla di più azzeccato dell’associazione tra street food e Bari, o meglio, cibo da strada e Bari (parliamo come mangiamo).

Se hai avuto modo di leggere la mia visita slow a Bari a bordo di un risciò avrai colto quell’atmosfera particolare, avrai capito che a Bari Vecchia le vie sono dei salotti e le signore cucinano all’aria aperta vendendo le proprie delizie ai passanti.

Le occasioni per uno spuntino sono numerosissime, l’unico limite è il livello di fame ed eventualmente la dieta (che manco a dirlo dovrai sospendere se fai un viaggio in Puglia perché se vai in Puglia e non ti butti a capofitto sulle delizie della cucina locale vivi un’esperienza a metà).

Io vivrei di pane e pomodoro, in tutte le sue innumerevoli, libidinose declinazioni, e se anche tu sei un vero nazionalista che ricerca i colori della bandiera italiana anche nel piatto potresti iniziare a conoscere Bari con un piatto di orecchiette con il pomodoro.

orecchiette di Bari

orecchiette di Bari

Le signore di Bari Vecchia allestiscono fuori dalle porte di casa dei banchetti dove arrotolano la pasta fresca e, con un semplice coltello, le danno la forma di orecchiette ed orecchioni. Osservarle all’opera è ipnotico e se a guardarle ti sembra che il loro lavoro sia cosa semplice provaci tu che poi ne riparliamo! Le signore delle orecchiette producono pasta fresca in grandi quantità che lasciano ad asciugare su delle reti di ferro e che vendono (a peso quasi d’oro) ai turisti di passaggio.

Portare a casa un pacco di orecchiette è come portarsi a casa un pezzetto di Puglia e condirle con pomodoro fresco e basilico è il modo giusto per completare quest’opera d’arte.

Altro cibo da strada a base di pane e pomodoro è la focaccia barese. La trovi nei forni e panifici della città: l’impasto viene ricoperto da uno strato di pomodori a fette che hanno il compito di ammorbidire con il loro sughetto la superficie della focaccia. Ne mangerei a quintalate.

focaccia barese

Ma ciò a cui non potrei davvero mai rinunciare è il panzerotto (io sono una da pomodoro e mozzarella) perché se è vero che sono una cultrice del pane e pomodoro sono dell’idea che ciò che è fritto è più buono. E cosa c’è di più buono del pane fritto ripieno di pomodoro e mozzarella? Niente. Stop.

Le sgagliozze sono qualcosa che nel mio immaginario di polentona veneta stonano un po’ a Bari dato che sono pezzi di polenta che le signore friggono agli angoli delle strade e vendono ai passanti per pochissimi euro. E visto che a me la polenta non fa impazzire ciò che ti posso dire è che le sgagliozze esistono (le ho viste con i miei occhi), che non le ho provate personalmente, ma che hanno molti estimatori.

street food bari

popizze

Se dalla street ti sposti al coperto sei in una salumeria come l’Antica Salumeria di Nicola: questo posto mi ricorda molto le vecchie botteghe di una volta che ormai sono praticamente scomparse dalle nostre città per lasciare spazio ai supermercati ma che a Bari Vecchia sembrano resistere! Nella salumeria c’è di tutto dalla pasta al caffè, ma soprattutto ci trovi i taralli, i sottolii (fatti in casa), i latticini (provenienti dalla latteria più vicina). Per i turisti sono il luogo perfetto per acquistare qualche souvenir culinario.

Antica salumeria da Nicola

antica salumeria da Nicola

antica salumeria bari

Finiamo la street food experience con il pesce crudo che prima dell’arrivo del sushi qui era già di tendenza! Sul lungomare sul molo di San Nicola la mattina i pescatori allestiscono un mercato con il pesce pescato e il must è acquistare pesce da mangiare al momento così com’è. Io la pesce crudo experience pugliese l’ho fatta in un altro luogo della Puglia: a Gallipoli dove mi sono fatta deliziare da vongole, fasolari, ostriche e ricci di mare serviti al momento conditi con giusto un po’ di limone.