Viaggi in camper

Vacanza in camper: 5 motivi per sceglierla

vacanza in camper

Viaggiare in camper per me è avventura pura perché mi permette di non decidere nulla a priori ma lasciare che il viaggio si crei mano a mano che lo vivo e che i kilometri macinano sotto le ruote. E’ un tipo di vacanza che richiede spirito di adattamento da un lato ma che offre comodità infinite dall’altro.

Vacanza in camper per tutti

Credo che erroneamente si pensi che i viaggi in camper siano qualcosa per persone un po’ avanti con l’età, invece non è così. O meglio, un po’ è vero, ma questo dipende più dal fatto che per viaggiare in camper ci vogliono due cose preziose: innanzitutto tempo, un bene di cui chi lavora 8 ore al giorno 5 giorni a settimana fatica a disporre liberamente, e poi un investimento iniziale (per acquistare o affittare il mezzo). Entrambe cose che di solito tendono ad aumentare con l’avanzare dell’età.

Eppure penso che potenzialmente i giovani attratti da una vacanza in camper siano davvero tanti. Pianificando tempi e costi chiunque può avvicinarsi alle vacanze in camper: basta organizzare il calendario delle ferie così da avere almeno un paio di settimane consecutive e poi, come per ogni altro viaggio, iniziare a risparmiare, magari accordandosi con altri amici (con cui vai molto d’accordo) che si vogliano unire in questa esperienza.

Quindi che tu abbia 20, 30, 40, 50, 60 e oltre anni io ho individuato 5 buoni motivi per scegliere una vacanza in camper.

Fare una vacanza diversa

Viaggiare in camper secondo me è estremamente comodo, ma questo è il mio punto di vista! Sicuramente è un modo di viaggiare diverso dal solito. Non ti nascondo che non è come starsene in una camera d’albergo: gli spazi sono risicati e nella maggior parte dei casi non esistono affatto stanze quindi scordati quella cosa chiamata privacy.

Un capitolo a parte lo meriterebbe poi la questione bagno: il bagno è ricavato in uno spazio di 1 mt. x 1 mt. nel quale ci sono un water, un lavandino, una doccia, quindi mobilità ridotta al massimo. La doccia in quel bagnetto si fa senza troppi problemi, ma io preferisco sempre aspettare di arrivare in un campeggio ed approfittare dei bagni. Poi, tornando alla questione privacy, le pareti sono di plastica quindi anche i rumori sono condivisi. Infine c’è la questione “scarico delle acque nere” che spetta a te/a chi viaggia con te.

Sono tutte cose che è bene sapere prima di partire per una vacanza in camper. Ma se hai lo spirito di adattamento il camper ti regalerà gioie uniche!

vacanza in camper

Possibilità di stare insieme

In una vacanza in camper hai davvero la possibilità di stare insieme a chi viaggia con te: condividere spazi, momenti della giornata, situazioni piacevoli e spiacevoli. Non è sempre tutto rose e fiori eh, ma il bello è anche quello. Ci si conosce meglio, si creano affinità, si litiga, si condividono esperienze fianco a fianco, gomito a gomito.

Esperienze belle ed utili per tutti: per le coppie, per i gruppi di amici e per le famiglie.

Pochi altri tipi di vacanza ti mettono nella stessa situazione, forse un po’ la tenda, sicuramente tantissime sono le affinità con la vacanza in barca.

vacanza in camper

Contatto con la natura

Se ami il contatto con la natura il camper non pone limiti alla tua felicità, l’unico limite può essere fisico (dove riesce ad arrivare, è pur sempre un bestione quindi sterrati e stradine troppo strette per alcuni modelli sono off limits).

Vuoi mettere la gioia e l’adrenalina di poterti fermare (quasi) ovunque? Dormire sotto le stelle, risvegliarti con la finestra che osserva il mare, fare un pisolino in mezzo ad una foresta, pranzare sul passo di una montagna. Queste solo alcune delle cose bellissime che ho potuto fare grazie al camper, a volte anche improvvisando.

Il limite sono le regolamentazioni comunali che a volte vietano di campeggiare o sostare con il camper (bada, sono due cose ben diverse) fuori dai campeggi e dalle aree di sosta preposte.

vacanza in camper

Sentirsi a casa in ogni posto nel mondo

Quando viaggio in camper mi immagino di essere una chiocciolina: sento che mi sto portando dietro la mia casa. Uno degli aspetti meravigliosi del viaggiare in camper è proprio quello di sentirsi a casa in ogni parte del mondo: vivi le tue esperienze, visiti i luoghi, entri in contatto con le persone, mangi i cibi locali. Eppure a volte è bello anche sentire la sicurezza di un posto familiare, di un ambiente confortevole che conosci e che senti tuo nel quale rientrare alla fine della giornata.

Io questa esigenza ce l’ho, ed infatti spesso dopo dei viaggi lunghi sono contenta di tornare a casa sul mio letto, sul mio divano, tra le mie cose. Con il camper questa esigenza è attutita perché dopotutto sono già a casa mia. Ecco, con il camper potrei fare il giro del mondo senza bisogno di passare da casa. 🙂

vacanza in camper

Portare il proprio cane con sé

Ultima ragione che per qualcuno non sarà importante ma per altri – come me – sarà fondamentale. In camper puoi portare in vacanza il tuo cane senza troppi pensieri, senza troppi sbattimenti sulla struttura pet friendly da trovare e da prenotare, senza troppi traumi per il tuo amico a quattro zampe.

Per noi che quando possiamo Lola la portiamo in viaggio la possibilità di viaggiare in camper ci risparmia un sacco di seccature.

Di come e perché viaggiare in camper con il cane ne ho già parlato ampiamente in “Viaggiare in camper con il cane”, se vuoi approfondire segui il link.

vacanza in camper

Insomma, se ti riconosci nella tipologia di persona descritta qui sopra e se questi 5 motivi ti hanno fatto venire voglia di prendere il camper e partire allora sei proprio pronto per una “grande avventura” come ci piace chiamare tutti i nostri viaggi in camper.

Buon viaggio!