Europa, Gran bretagna, Mondo

5 luoghi poco conosciuti di Londra (almeno per me)

Little Venice Londra

Londra per me è come la grotta di Alì Baba, un luogo ricco di tesori inestimabili, un posto che mi lascia con gli occhi luccicanti e la bocca spalancata ogni volta che ci ritorno, la città che ha sempre qualcosa di nuovo da farmi scoprire ogni volta che la visito.

Anche stavolta Londra non mi ha deluso, anzi, mi ha incantata come non mai. Sarà che questa volta l’ho visitata in solitudine, lasciandomi guidare dall’istinto e dai miei interessi, lasciando che le mie gambe dessero il ritmo e il cuore e gli occhi si prendessero il loro tempo per interiorizzare ogni cosa.

Ho scoperto dei luoghi poco conosciuti di Londra, posti di cui avevo sentito parlare ma ai quali non avevo mai dedicato del tempo durante le precedenti incursioni in città, piccoli tesori che quando si è a nella capitale inglese per la prima volta e si hanno pochi giorni a disposizione per conoscerla si tendono a lasciare da parte in favore dei grandi – ed imperdibili – classici.

Ecco i cinque posti meravigliosi che hanno aggiunto un pizzico di novità e stupore al mio ultimo viaggio a Londra.

Little Venice

Little Venice è un’isola felice di Londra, una sorta di giardino segreto situato a pochi passi da Paddington, una delle stazioni più trafficate della città. A Little Venice ho perso la cognizione del tempo passeggiando lungo i suoi canali, fotografando le houseboat che si specchiano sull’acqua ed i colori di un autunno quasi passato.

Mi sono immaginata a vivere tra quei canali nella mia houseboat colorata, con le scritte scrostate dall’umidità, le piantine che crescono nei loro vasi, la bicicletta parcheggiata sul tetto della casa-barca.

Ho spiato tra le finestrelle cercando brandelli di vita, per capire chi e come avesse deciso di vivere nel cuore di Londra eppure così lontano da essa.

Ho perso ore costeggiando un canale che sembrava non finire mai alla ricerca di particolari, colori e riflessi nuovi e mi sono innamorata un po’ di più della mia città del cuore.

Hai mai dormito in una houseboat? Io sì ad Amsterdam!

Little Venice Londra

Little Venice Londra

Little Venice Londra

Little Venice Londra

Little Venice Londra

Little Venice Londra

Kyoto Gardens a Holland Park

Di parchi è piena Londra, alcuni sono davvero vasti, quasi ognuno ha un piccolo tesoro da svelare. I giardini giapponesi di Holland Park sono ormai famosi, vicini a Notting Hill alle sue case ordinate e alle sue porticine colorate, eppure io non li avevo mai visti.

Tra foglie secche, alberi ancora vestiti d’autunno e scoiattolini curiosi e senza paura mi sono fatta strada tra i prati di Holland Park cercando i Kyoto Gardens. Varcato l’ingresso sono stata teletrasportata in un’oasi zen dal sapore giapponese con alberi colorati ed un laghetto pieno di carpe multicolore.

Mi sono fermata ad osservare i bambini accompagnati da mamme e tate seduti sul bordo della passerella, felici mentre osservavano i pesci silenziosi che scivolavano sotto di loro in attesa di qualche briciola regalata, i vecchietti che riposavano sulle panchine e gli scoiattoli laboriosi e dai movimenti lesti.

Kyoto Gardens Holland Park Londra

Kyoto Gardens Holland Park Londra

Kyoto Gardens Holland Park Londra

Londra

Queen Mary’s Garden a Regent’s Park

Che mi piace la natura si è capito, sarà per questo che amo Londra così tanto: sa unire il caos della città cosmopolita alla pace di boschetti e prati silenziosi.

Anche a Regent’s Park ho scoperto un piccolo tesoro inaspettato, i Queen Mary’s Garden, giardini ricoperti da aiuole di rose: la più ampia collezione di rose in città. 12.000 rose in 85 varietà diverse.

Visitarlo nella stagione della massima fioritura deve essere spettacolare visto che le rose facevano la loro bella figura anche ad inizio novembre.

Queen Mary's Garden Londra

Queen Mary's Garden Londra

Queen Mary's Garden Londra

Queen Mary's Garden Londra

Brompton Cemetry

Ho scoperto i magnifici sette di Londra, i cimiteri vittoriani della città, grazie a Roberta che ne ha parlato proprio su questo blog e ne sono rimasta colpita ed incuriosita. Per la cultura cattolica che associa il cimitero esclusivamente a un pensiero di morte e tristezza passeggiare tra le tombe come se si fosse in un parco incrociando mamme con i loro bimbi nelle carrozzine, persone che portano a passeggio il cane e runners che fanno jogging, è assai strano. Ma qui sembra sia la normalità.

Brompton come gli altri cimiteri della sua epoca si trova un po’ fuori dal cuore della città ma sempre nella zona 1-2 della metro. Ormai qui non si seppelliscono più persone da tempo e il cimitero è diventato un vero e proprio parco pubblico dove i vialetti però sono costeggiati da inaspettate tombe di pietra. Un’immagine che stride nella mia testa ma che non sembra essere nulla di strano qui.

In alcuni punti del Brompton Cemetery le tombe sono tantissime, affastellate le une sulle altre come se ci fosse stato bisogno di farci stare più cadaveri possibile, i corvi neri gracchiano sugli alberi e si appollaiano sulle lapidi mentre gli scoiattoli con le loro code folte si rincorrono nel prato e poi su, sui tronchi degli alberi.

Brompton Cemetery Londra

Brompton Cemetery Londra

Brompton Cemetery Londra

Brompton Cemetery Londra

Brompton Cemetery Londra

Brompton Cemetery Londra

Brompton Cemetery Londra

Highgate Cemetery

Highgate è un cimitero che si trova ancora più fuori Londra, nel piccolo quartiere di Highgate inerpicato su una collina a pochi passi dalla Parliament Hill. Le tombe sono immerse in una foresta di edere ed alberi verde scuro, la natura sembra voler prevalere sulla vita (o sulla morte) inghiottendo lapidi, croci e scritte d’amore lasciate dai cari.

Un’aura di mistero avvolge questo cimitero, soprattutto se ci si incammina tra le tombe lontano dal sentiero segnato: scricchiolii, piccoli animaletti che si muovono furtivi e urla e voci di bambini che in realtà provengono dal cortile della scuola vicina ma che ugualmente fanno un effetto da pelle d’oca se sentiti in quel contesto.

Il cimitero è suddiviso in due parti, una delle due è aperta al pubblico a pagamento durante il giorno, l’altra visitabile solo con guida su prenotazione: se avete in mente di recarvi sulla collina tra le anime di Highgate che riposano vi consiglio di prenotare la visita.

Highgate Cemetery Londra

Highgate Cemetery Londra

Highgate Cemetery Londra

Highgate Cemetery Londra

Highgate Cemetery Londra

Highgate Cemetery Londra

Chissà quali altri luoghi poco conosciuti di Londra scoprirò alla prossima visita, tu ne conosci qualcun altro che vuoi suggerirmi? Questi li hai già visitati o ti incuriosiscono?

Sono curiosa di conoscere sempre meglio Londra e di lasciarmi catturare dal suo fascino senza tempo.