Geek

La mia GoPro per video di viaggi? La Hero 4 session!

GoPro per video di viaggi

Oltre un anno fa mi ritrovavo per le mani una GoPro Hero 4 Silver bellissima: un regalo di Natale molto atteso e sul quale avevo riflettuto parecchio. Mi ero indirizzata sull’acquisto di una GoPro per video di viaggi: volevo una videocamera piccola e maneggevole da portare come me per immortalare con facilità momenti di viaggio così da ricordarli con chiarezza a distanza di mesi e di anni.

Fino ad allora avevo sempre fatto brevi video con l’Iphone sacrificando la già esigua batteria dello smartphone (che durante i miei viaggi metto sotto sforzo principalmente scattando foto ma anche postando sui social) e l’ampia ma mai sufficiente memoria.

Ho deciso di acquistare la GoPro

In quel momento la GoPro Hero 4 Silver era stata lanciata da poco soppiantando i modelli precedenti, in particolare la Hero 3 Black che era la sua valida alternativa (più economica). Mi sarei accontentata di quella infatti, ma era stata messa fuori produzione.

Alla fin fine ciò che mi ha spinta a scegliere la GoPro Hero 4 Silver è stato quel bellissimo schermino LCD touch posteriore che mi permetteva di vedere – seppur in piccolo piccolo – quello che stavo filmando in tempo reale senza bisogno di utilizzare l’app in wireless/bluetooth da telefono.

Era il Natale del 2015 quando stringevo felice tra le mie mani la mia GoPro Hero 4 Silver appena scartata e mi cimentavo con mini video e foto idiote per testare lo strumento.

Poi ho fatto qualche viaggio importante, come quelli a Parigi e in Irlanda, e piccole uscite minori in cui ho avuto modo di utilizzare la mia GoPro ampiamente. Ed è lì che mi sono accorta di piccoli difetti, in primis la durata della batteria, veramente esigua!

Gopro Parigi

Irlanda gopro

GoPro Hero 4 Session: un salto in avanti

Verso la fine del 2015 mi è capitata tra le mani una GoPro Hero 4 Session, l’ultima uscita di casa GoPro.

A prima vista più piccola e maneggevole. Mentre la toglievo dall’imballo e me la rigiravo tra le mani non sapevo che i plus di questa action cam sarebbero stati tanti altri.

Con la Hero 4 Session la GoPro ha fatto un grandissimo salto in avanti e ha risollevato la mia opinione generale sul prodotto visto che purtroppo dal modello precedente ero rimasta un po’ delusa.

GoPro Hero 4 vs. GoPro Hero 4 Session: vantaggi e svantaggi

Andiamo a vederli uno per uno:

MANEGGEVOLEZZA

La Session è più leggera e più piccola di qualsiasi altra action cam precedente e questo rende perfetta la GoPro per video di viaggi. La forma quadrata, il comodo pulsante di accensione ed il più piccolo pulsantino posteriore per scegliere le opzioni sono molto più pratici dei pulsanti nei modelli precedenti. Inoltre la Session si può utilizzare anche a testa in giù: percepisce da sola il cambio di posizione e registra il video nel senso corretto.

NESSUN CASE

La Session non necessita di nessun case: NESSUNO. E’ già waterproof (fino ad un tot di metri) ed ha una piccola gabbia necessaria per collegarla ai vari supporti.

Con la Hero 4 Silver diventavo matta nel cambiare le protezioni: quella ermetica totale permetteva di andare sotto acqua ma se la utilizzavo in altre situazioni non si sentivano più i suoni; quella aperta sul retro per favorire l’utilizzo del LCD touch non poteva andare sotto acqua, registrava audio migliori ma non perfetti e non era abbastanza protettiva; il terzo case – con una sorta di pellicola in corrispondenza del touch – non l’ho mai utilizzata.

gopro lampedusa

BATTERIA

Punto dolente della Hero 4 era la batteria: non resisteva mai più di un giorno: probabilmente lo schermo LCD posteriore tanto bello e comodo si succhiava tantissima energia. Qualche volta l’ho anche spento per farla durare di più però si perdeva quel plus per cui l’avevo scelta (e pagata) e la batteria non migliorava poi di tanto le sue performance.

La Session invece mi ha sorpresa per la durata della sua batteria: in Thailandia l’ho usata tantissimo ed è durata più giorni consecutivi senza dover essere ricaricata!
Questo aspetto rende funzionale questa GoPro per video di viaggi, quando hai poche occasioni per ricaricare il device.

LCD

Gioia e dolore della Hero 4 Silver, lo schermo LCD: ne ho parlato nei punti precedenti ma vorrei raccontare meglio di quando si è rotto.

Metto la GoPro (che è all’interno del case rigido – non quello ermetico, ma quello per utilizzare lo schermo touch) in borsa. Dopo qualche giorno la tiro fuori dalla borsa e mi accorgo che si sono rotti i cristalli liquidi. Contatto l’assistenza e scopro che non è possibile sostituirlo: non esistono LCD di ricambio.

La Session non ha uno schermo ma visto che la batteria è molto resistente utilizzo sempre la app GoPro dall’Iphone senza alcun problema.

AUDIO

L’audio nella Session è molto buono, seppur non perfetto. La presenza di due microfoni, ciascuno su un lato della fotocamera, permette di registrare meglio i suoni anche in situazioni “estreme” tipo in corsa, o quando c’è molto vento.

Con la Hero 4 il case – in particolare quello ermetico – è un ostacolo non da poco alla registrazione dei suoni: in Irlanda abbiamo girato un sacco di video nei quali parlavamo ma, una volta scaricati sul computer ci siamo resi conto che non si sente nulla. Abbiamo quindi provato a registrare senza case protettivo ma, in caso di vento (e in Irlanda ce n’è molto) quello sovrasta ogni cosa.

COSTO

Non so se nel frattempo il costo della Hero 4 sia diminuito ma quando l’ho acquistata io costava più di 400€, un bell’investimento!

La Session invece costa circa la metà e ha molti plus a suo favore che giustificano la spesa.

Gopro Thailandia

Non ho provato action cam di altre marche quindi la mia esperienza si limita alla GoPro, ma nonostante questo mi sento sicurissima nel consigliare la GoPro Hero 4 Session a chi sta cercando una action cam da utilizzare per attività sportive, per i viaggi o semplicemente per immortalare momenti con amici e parenti, magari al mare, in montagna o altrove.

Voi avete qualche altra esperienza da condividere?

[tutte le foto nel post sono state scattate con le GoPro menzionate]