Europa, Mondo, Olanda

Visitare Amsterdam in 5 giorni: il nostro itinerario

jordaan Amsterdam

Come faccio sempre alla fine di ogni viaggio, anche questa volta dedico un post abbastanza pratico al nostro itinerario dove vi parlo di come visitare Amsterdam in 5 giorni. Spero possa esservi utile nel caso anche voi stiate pensando a una breve vacanza in questa bellissima città

Cosa fare 5 giorni ad Amsterdam

Confermo – come ho già letto su altre guide e blog – che 3 giorni sono sufficienti per visitare Amsterdam, se però volete approfittare del vostro viaggio per esplorare anche i dintorni, di tempo ve ne servirà di certo di più!

Esistono moltissimi paesini pittoreschi situati a soli pochi chilometri dalla città (raggiungibili spesso in 30 minuti o al massimo 1 ora di viaggio con i mezzi pubblici) per cui se potete tanto vale allungare un po’ la durata del soggiorno e dedicare qualche giorno alla scoperta di quei posticini.

Nell’itinerario di 5 giorni che vi presento qui (e che rispecchia la nostra esperienza) ci sono 3 giorni dedicati alla visita vera e propria della città ed altri due dedicati ad altre località al di fuori della capitale, nello specifico a Zaanse Schans e a Keukenhof.
Keukenhof è un parco con tantissime aiuole fiorite che è aperto solo 2 mesi l’anno, da marzo a maggio nel periodo della fioritura, per questo potrete includerlo a vostra volta nell’itinerario di viaggio solo se vi recate ad Amsterdam nei mesi primaverili.

Giorno 1 – Centro medievale e Jordaan

L’esplorazione di Amsterdam può iniziare dal suo cuore, il centro medievale. Partendo dalla stazione centrale che è un ottimo punto di riferimento si procede verso sud raggiungendo Piazza Dam, su cui si affaccia il Palazzo Reale, e la Nieuwe Kerk. Il Palazzo Reale in realtà non è veramente abitato dal re d’Olanda che ha la sua residenza ufficiale a L’Aia, ma questo edificio è comunque utilizzato come palazzo di rappresentanza per accogliere autorità straniere e nazionali.

Questa è una zona molto animata, affollata di turisti e con tanti negozi di marche internazionali dove fare shopping. La parte che personalmente ho amato di più è a pochi passi da Piazza Dam, quell’area che comprende il Museo di Amsterdam, il Beginhof e Spui.

Si può decidere se visitare o meno il museo storico cittadino che sorge nell’ex orfanotrofio comunale di Amsterdam, in ogni caso potete accedere liberamente al cortile dove gli orfani giocavano e alla Galleria della Guardia Civica.

Amsterdam museo

Amsterdam museo

Il Beginhof è il quartiere dove vivevano le beghine, donne cattoliche nubili che si occupavano di accudire orfani o anziani conducendo un tipo di vita monastico senza però prendere i voti. Una passeggiata nel Beginhof merita assolutamente: superato il portone di accesso e lasciato alle spalle il caos della via principale sembrerà di entrare in un altro mondo. Al Beginhof è possibile visitare la chiesa delle beghine e vedere una delle poche case in legno ancora esistenti ad Amsterdam.

beginhof Amsterdam

Uscendo dal Beginhof ci si ritrova a Spui, una piazza vitale dove spesso ci sono piccoli mercatini di arte ed antiquariato. Su di essa si affacciano molti locali tra cui storici bruin café e nei pressi è possibile mangiare alcuni dei migliori street food di Amsterdam.

Giunti a Spui si è praticamente arrivati ai canali ed è quindi bello camminare senza meta precisa lungo la cintura occidentale dei canali prendendo confidenza con i tre principali (Prinsengracht, Herengracht e Keizersgracht), ammirando le bici appoggiate a ponti e balaustre e sognando di dormire in una delle tante houseboat attraccate alle banchine.

jordaan Amsterdam

Oltre la cerchia dei canali, ad ovest, si estende il Jordaan, storicamente il quartiere popolare che oggi è diventato vivace e piacevole da visitare grazie ai numerosi artisti che si sono insediati qui con le loro botteghe e piccole gallerie. Una passeggiata tra le sue vie curiosando qua e là, fermandosi ad osservare le vetrine ed i palazzi potrebbe portarvi via anche un pomeriggio intero.

Scopri le visite guidate in italiano al Jordaan con InsolitAmsterdam

Giorno 2 – De Pijp, cintura meridionale dei canali e quartiere a luci rosse

Il secondo giorno noi abbiamo iniziato dal De Pijp, un altro dei quartieri popolari di Amsterdam che oggi è una zona vitale ed animata. Il De Pijp è il quartiere latino della città, dove moltissimi operai provenienti dal sud Europa arrivarono nel corso del Novecento attratti dalle possibilità di lavoro offerte dalla vicina fabbrica della Heineken (oggi visitabile nel corso della Heineken Experience). Gli operai portarono qui le loro abitudini culinarie e di vita che oggi in qualche modo rivivono nell’Albert Cuypmarkt, un mercato in cui si vende di tutto – dai fiori, ai vestiti, al cibo – che si svolge lungo Albert Cuypstraat dal lunedì al sabato dalle 10 alle 17.

Albert Cuypmarkt Amsterdam

Abbiamo poi proseguito l’esplorazione dei canali di Amsterdam iniziata il giorno precedente facendo un giro in bicicletta tra la cintura meridionale dei canali godendoci gli angoli caratteristici che questa città sa donare.

ad Amsterdam in bicicletta

Amsterdam

Verso sera abbiamo completato il nostro giro nel centro medievale con una passeggiata nel famosissimo quartiere a luci rosse dove nelle numerose vetrine dalle lucine rosse le signorine mostrano la propria merce ai passanti. Non potete lasciare Amsterdam senza aver passeggiato almeno una sera nel quartiere a luci rosse: a me ha fatto uno strano effetto vedere mescolarsi nella stessa via ragazze alla ricerca di clienti, uomini ubriachi, turisti curiosi e famiglie a passeggio con bambini. Una situazione davvero surreale ed unica!

Giorno 3 – A spasso per musei

Il terzo giorno lo abbiamo iniziato con una crociera tra i canali approfittando del fatto che fosse inclusa nella nostra iAmsterdam card. Una crociera di circa un’ora che salpa dalla stazione centrale e che conduce i turisti in un giro tra i canali della città mentre una voce registrata in lingua vi racconta ciò che state vedendo.

Successivamente abbiamo dedicato il resto della giornata ai musei (anche approfittando del brutto tempo). Tutto è iniziato con il meraviglioso Museo di Van Gogh, un viaggio nella vita del pittore attraverso episodi che l’hanno caratterizzata e meravigliose opere d’arte. Abbiamo dunque proseguito con lo Stedelijk Museum, il museo di arte moderna e contemporanea dove sono esposti oggetti di design, quadri e statue. A pochi passi, nella Museum Insel (isola dei musei), c’è anche il Rijksmuseum dove sono invece collezionati pezzi della storia olandese dal medioevo ad oggi.

Ultimo museo che non ci siamo fatti mancare è stata la casa di Anna Frank, una tappa imperdibile per chi come me ha letto il libro da bambina e ne è rimasto estremamente colpito.

Prima di sera se vi avanza tempo vi consiglio di fare un giretto nella zona portuale a nord est della città, l’Oostelijk Havengebied, un’area recentemente recuperata dove è possibile passeggiare tra aree residenziali progettate da moderni architetti e ristorantini in stile industriale dove addentare gustosi broojerties o scaldarsi con delicate zuppette.

Oostelijk Havengebied

Oostelijk Havengebied

Giorno 4 – Zaanse Schans, Marken e Volendam

Dopo aver visto i luoghi più importanti di Amsterdam, immancabile è una gita fuori porta.

Impossibile non iniziare con Zaanse Schans, un villaggio a circa 30 minuti di bus da Amsterdam.

Zaanse Schans è per così dire “finto” perché ricostruito portando in questo luogo case e mulini storici provenienti da tutta la regione così da preservarne la storia. Una mattinata se ne vola via: tra i mulini a vento in funzione all’interno dei quali è possibile vedere sul serio come si macinano i semi per ricavarne olio o le pietre per ricavarne coloranti da tintura, tra le casette riconvertite in botteghe e negozietti… Sembra di stare in un posto fatato, quello che ci si immagina quando si pensa all’Olanda tra zoccoli, formaggio e mulini a vento.


Zaanse Schans Amsterdam

Zaanse Schans Amsterdam

Una mezza giornata è sufficiente per girare Zaanse Schans in lungo ed in largo, il resto del giorno si può dedicare ad un paio di altre mete nei dintorni: Volendam e Marken, due paesini di pescatori senza particolari attrattive se non i loro ristoranti affacciati sul porto e l’atmosfera tranquilla della vita di provincia. E’ possibile raggiungere Volendam con il bus 110 o il 316 e Merken con il 315, tutti in partenza dalla stazione centrale. Le due città che si affacciano sul mare sono collegate tra loro da un servizio di traghetto che opera ogni mezzora circa.

marken

marken

Giorno 5 – Keukenhof

Se vi trovate ad Amsterdam durante il periodo di fioritura dei tulipani che va di solito da metà marzo a metà maggio non potete non visitare il Parco Keukenhof. Un parco che apre al pubblico solo una volta l’anno in quei mesi e dove è possibile passeggiare tra aiuole fiorite di tulipani, gigli, azalee, giacinti e molte altre specie floreali.

Il parco si raggiunge con il bus 858 dall’aeroporto Schipol di Amsterdam.

Leggi tutto sulla nostra visita al Keukenhof!

Keukenhof Amsterdam

Keukenhof Amsterdam

Keukenhof Amsterdam