Collaborazioni, Italia, Liguria, Viaggi in camper

La nostra guida per visitare Levanto e le Cinque Terre in camper

cinque terre in camper

La Liguria è per noi il “Far West”, una zona d’Italia inesplorata e tutta da conquistare, ed il nostro oro finora erano le Cinque Terre. Sognavamo di visitare le Cinque Terre in camper da molto e molto tempo, ma l’affollamento estivo ed una serie di limitazioni oggettive e soggettive ci avevano sempre fatto desistere.

A volte i desideri dell’anima sembrano non essere sincronizzati con le tempistiche della vita, fino a che, ad un certo punto, gli ingranaggi si incastrano al punto giusto ed il momento tanto atteso arriva.

Abbiamo smesso di rimandare e – in collaborazione con il consorzio VisitLevanto – siamo partiti per un weekend in camper nel levante ligure.

Pensare di fare un viaggio itinerante in Liguria e spostarsi in camper di giorno in giorno lo sconsigliamo perché i paesini sono piccini, spesso schiacciati tra mare e montagna, e le aree adibite alla sosta camper limitate. Meglio scegliere una città lungo la costa comoda alla stazione ferroviaria e approfittare dei comodi collegamenti via treno tra i paesini delle Cinque Terre e, più in generale, della riviera.

visitare levanto

Levanto è il luogo perfetto per chi vuole esplorare le Cinque Terre in camper: è vivace e vitale come sanno esserlo le città di mare ma non affollata ed inflazionata come i vicini borghi annoverati tra i luoghi patrimonio UNESCO.

Cosa fare e cosa vedere a Levanto

Arriviamo a Levanto la sera tardi quando ormai la notte ha steso il suo velo scuro lasciando ad illuminarla solo un raggio di luna e una schiera di stelle. Socchiudo gli occhi per osservare meglio i contorni delle montagne ed immaginare il paesaggio che si sarebbe palesato solo con la luce del giorno.

I caruggi del centro storico ci accolgono per una passeggiata serale di quelle da golfino sulle spalle, mentre il mattino inondato di sole ci spinge a nasconderci tra le vie all’ombra di qualche palazzo antico.

Il silenzio avvolge il centro storico: siamo nella zona più antica della città, lo capiamo dalle testimonianze di epoche lontane, come la torre medievale e le antiche mura di pietra. I palazzi hanno il colore del tempo che passa e l’aria profuma di mare salato. Saliamo e scendiamo tra le stradine strette nel silenzio del mattino e raggiungiamo la Chiesa di Sant’Andrea: le campane suonano nove rintocchi e, spezzando il silenzio, sembrano risvegliare la città.

 

Chiesa di sant'andrea Levanto

Ora che la magia del mattino sembra essersi volatilizzata scendiamo nella parte bassa e più animata di Levanto perdendoci tra il profumo del pane e delle focacce appena sfornate e l’aroma del caffè, tra il vociare confuso nella via che si sovrappone alla voce cristallina di un presentatore TV che esce dalle finestre aperte di una casa.

Levanto

La cosa più bella da fare a Levanto per me è proprio questa, vagare per le vie senza una meta precisa cercando scorci da fotografare e colori da immortalare.

Ci ritroviamo così a scattare una foto davanti alla Loggia, a passeggiare tra le colonne ombrose di Piazza Cavour (dove c’è un centro informazioni turistiche), a cercare frescura all’ombra della Chiesetta di San Rocco, a curiosare tra le bancarelle del mercatino artigianale di Via Garibaldi.

Loggia Levanto

Mercatino Levanto

Famiglie e coppie intanto si avviano verso la spiaggia di Levanto che è ampia e sabbiosa lambita da un mare pulito; aree attrezzate si alternano a sprazzi di spiaggia libera e dall’arenile è possibile fare escursioni in barca, sul sup o in kayak.

spiaggia di Levanto

Noi per stavolta rimandiamo l’incontro con la spiaggia, siamo più interessati ai sentieri e alle strade da percorrere in bici o a piedi. Infatti sembra che tra le cose da fare a Levanto le più amate siano le escursioni nella natura: scarpe comode o scarponi a piedi e l’imbarazzo della scelta tra i percorsi esistenti.

Della pista ciclabile tra Levanto e Framura ve ne ho già parlato in un altro post, ma non vi ho detto che alla destra dell’imbocco della ciclabile si diparte uno dei tanti sentieri che – dapprima risalendo delle scale e poi percorrendo un sentiero tra le pietre – porta a piccole frazioni nei dintorni di Levanto e giunge al borgo sul mare di Bonassola (sentiero SVA e poi n. 664).

sentiero Levanto sentiero Levanto sentiero Levanto

Ovviamente questo non è il solo: i sentieri che da Levanto si addentrano tra le montagne o costeggiano il mare regalando meravigliosi panorami sul blu sono numerosissimi, il più famoso quello che conduce a Monterosso, uno dei borghi delle Cinque Terre.

Noi dopo un pieno di focacce in riva al mare il nostro pomeriggio lo concludiamo in sella alle biciclette, nello specifico le eBikeIn, biciclette elettriche che aiutano anche i meno atletici (come me) a risalire le stradine pendenti della Liguria e ci assicurano un’esperienza memorabile facendo il minimo sforzo. Potete leggere della nostra esperienza da Levanto a Framura in eBike qui.

ebike levanto

Tra gli ultimi consigli su cosa fare e vedere a Levanto ci aggiungerei sicuramente una birra in spiaggia al tramonto o – come abbiamo fatto noi – nel porticciolo di Framura per poi rientrare in città lungo la comodissima ciclabile.

Sostare con il camper a Levanto

Noi con il camper abbiamo fatto base al Camping Acqua Dolce di Levanto: un campeggio situato in pieno centro (e non esagero: davanti all’ingresso del camping ci sono le mura medievali della città), in un’area tranquillissima all’ombra degli ulivi.

camping acqua dolce levanto

Scegliere di stare qui ha notevoli vantaggi, in primis la comodità di raggiungere il centro città, la spiaggia e la stazione comodamente a piedi senza bisogno di ricorrere ad altri mezzi, e poi ovviamente il fatto di poter usufruire di tutti i servizi che il campeggio mette a disposizione (come le docce, i bagni, i lavabi per le stoviglie, il wifi, l’elettricità, il carico/scarico).

camping acqua dolce levanto

Fate solo attenzione all’orario in cui arrivate in quanto l’ingresso è permesso solo fino alle ore 23.00. Un consiglio spassionato se volete stare tranquilli: prenotate! Qui come in altri campeggi di Levanto e dintorni c’è sempre un certo affollamento quindi sempre meglio prenotare prima di arrivare per non avere spiacevoli sorprese.

Esiste anche un’area sosta camper a pagamento in località Moltedi nei pressi della stazione ferroviaria (ma distante circa 20 minuti dal mare) con 25 posti camper ed un parcheggio antistante più ampio ma promiscuo per camper e auto. Ovviamente qui non si può prenotare il posto quindi ve lo consiglio solo se siete di passaggio e volete tentare la sorte.

Visitare le Cinque Terre da Levanto

La comodità di visitare le Cinque Terre da Levanto per chi sosta qui in camper (ma anche per chiunque soggiorni in città) è enorme.

La stazione dista 5-10 minuti a piedi dal centro e ogni mezzora dal mattino presto alla sera tardi fermano a Levanto i treni regionali “Cinque Terre Express” che effettuano soste in tutti i paesini delle Cinque Terre.

cinque terre in treno

Acquistando la card giornaliera si può salire e scendere a proprio piacimento su tutti i treni regionali che effettuano la tratta Levanto-La Spezia tutte le volte che lo si desidera. Esistono anche card della durata di due o tre giorni, trovate i costi e tutte le informazioni sul sito ufficiale.

…A questo punto potrei raccontarvi delle infinite bellezze delle Cinque Terre, ma di questo magari ve ne parlo un’altra volta! 😉

cinque terre cinque terre