Collaborazioni, Europa, Gran bretagna, Mondo

Visitare Brixton, melting pot di atmosfere afro e musica londinese

visitare brixton

Durante il mio ultimo viaggio a Londra mi sono spinta in un’area che non avevo ancora toccato nel corso delle mie incursioni in città: mi sono diretta verso sud per visitare Brixton. Non avevo mai considerato di visitare questo quartiere di Londra, ma la recente morte di David Bowie, cantante poliedrico originario di quell’area, aveva attratto la mia attenzione e, visto il mio impellente viaggio in città, mi sono riproposta di fare una tappa proprio lì.

Cosa visitare a Brixton

L’atmosfera a Brixton è vibrante e tra mercatini dall’anima afro e street art non ci si annoia di certo. Una mezza giornata può bastare per visitare Brixton ma se non si hanno vincoli particolari di tempo ci si può spendere anche un po’ di tempo in più per girarla a piedi in lungo ed in largo. In ogni caso secondo me è consigliabile arrivare a metà mattina e fermarsi almeno fino a metà pomeriggio così da pranzare in uno dei numerosi localini del Brixton Village.

Ecco i luoghi di Brixton che secondo me vanno visitati.

Il Bowie Memorial

Bowie memorial Brixton

Come potrai leggere poco più in giù a Brixton è facile imbattersi nella street art, tutti i graffiti il più famoso di Brixton è quello coloratissimo ad opera dell’artista australiano James Cochran che ritrae David Bowie sulla parete del grande magazzino di Morley, in Tunstall Road. Quel murales è stato soprannominato dopo la morte dell’artista “Bowie Memorial” visto che sono tantissimi i fans che hanno effettuato il loro pellegrinaggio nel quartiere di Londra che è stato casa, ma soprattutto culla musicale, del cantante. Ai piedi del muro raffigurante una rielaborazione della copertina dell’album di Bowie, Aladdin Sane, si sprecano i mazzi di fiori, i pupazzi e i pensieri che i fans lasciano a tributo del cantante.

Questo memorial è il simbolo della musica e dell’arte che si incontrano a Brixton: Bowie infatti, con il suo stile musicale ed artistico trasformista e provocatore è anche uno dei protagonisti della scena musicale britannica degli ultimi 50 anni. Forse anche sulla scia di questo Brixton pullula di giovani appassionati di musica, così come di negozi specializzati in vinili dove andare a caccia di generi musicali diversi. Se vuoi approfondire come è cambiata la musica a Londra dagli anni ’60 a oggi ti consiglio di leggere questo articolo nel magazine di Expedia Discover.

Street art

Quando sono in giro per il mondo adoro fotografare murales e graffiti: il semplice fatto di ammirarli mi dà un senso di liberazione. Sono forme d’arte che rispecchiano la necessità e la voglia degli artisti che le concepiscono di gridare a squarciagola al mondo le proprie emozioni, tanto che una misera tela non è sufficiente per esprimere quello che hanno dentro: hanno bisogno di un muro.

street art brixton

A Brixton è facile imbattersi nella street art e secondo me vale la pena vagare per il quartiere andando alla ricerca di murales. Non saprei tracciare una mappa dei graffiti da ammirare, so solo che mi sono imbattuta in molti di essi impressi sulle serrande dei negozi, all’interno della ferrovia, sui muri di stradine secondarie. Tra i più famosi ci sono sicuramente il tributo a David Bowie (vedi il prossimo punto per maggiori info), il Mauleverer Road Mural nell’omonima via (un murales creato negli anni ’80 che oggi è ammirabile solo in parte in quanto alcuni pezzi del muro su cui è dipinto sono stati rimossi), il Food e il Clutter murals nella Brixton Station, ma anche tantissimi graffiti sulle serrande delle attività commerciali situate tra le arcate della stazione ferroviaria (questi fanno parte del progetto “Save Brixton Arches”).

 Brixton Murales murales brixton

Pop Brixton

Alcuni dei negozi specializzati in vinili e musica li puoi trovare al Pop Brixton, un progetto di rivalutazione di un’area dismessa che si è trasformato in uno spazio creativo che ospita attività commerciali indipendenti della zona.

All’interno di Pop Brixton i negozi sono allestiti in container colorati, le sedie, i tavolini e i banconi dei bar sono fatti di materiali di riciclo e tra le varie attività commerciali che operano in quest’area ci sono stand di cibo (molti prediligono il bio e il veg), negozi di design e di abiti ed oggetti hand made. Tutto è caratterizzato da una componente artistica fortissima, e la sera Pop Brixton diventa il luogo per eccellenza dove far festa bevendo un drink mentre in sottofondo suonano DJ o musicisti della scena locale e internazionale.

Pop Brixton

Brixton Market

Il meglio lo lascio alla fine: in quanto appassionata di mercatini non potevo non soffermarmi sul Brixton Village, una grande area coperta dove uno accanto all’altro si susseguono negozietti, caffetterie e tavole calde. Qui quell’anima afro che caratterizza in maniera così marcata Brixton è più vibrante che mai: variopinti abiti dalle fantasie africane colorano le vetrine dei negozi, i banchi di frutta e verdura esplodono di prodotti tropicali, le bandiere jamaicane non mancano, così come i ritmi “jammin” e le parrucchiere che arricciano i capelli in treccine.

A dirla tutta però il Brixton Village è solo una parte del Brixton Market che si compone anche del Market Row, della Reliance Arcade e di mercatini speciali che vengono organizzati in particolari giorni del mese, come:

  • il Bakers and Flea Market la prima domenica del mese, dove trovare sia i prodotti della panificazione che gli espositori di antichità;
  • il Farmer’s Market con prodotti agricoli, tutte le domeniche dalle 9.30 alle 14.30 in Brixton Station Road;
  • il Friday Market tutti i venerdì, con food truck, abiti usati e vintage e bancarelle di prodotti fatti a mano;
  • il Maker’s Market ogni seconda domenica del mese, con bancarelle di oggettistica fatta a mano, arte contemporanea e abiti e accessori di designer indipendenti;
  • Retro and Vintage Market ogni terza domenica del mese, in cui vengono esposti abiti, gioielli, scarpe e mobili vintage;
  • il Brix Mix Market la quarta e quinta domenica del mese, con un mix degli espositori presenti tutte le domeniche precedenti.

Brixton market map

Ti piacciono i mercatini? Scopri i mercatini londinesi più belli

Come raggiungere Brixton

Brixton si raggiunge con facilità con la metropolitana: la stazione di Brixton infatti è il capolinea della linea azzurra (Victoria line) che dista meno di 10 minuti di underground dalla centralissima e trafficata stazione di London Victoria; il costo del biglietto è quello di una qualsiasi corsa in metro e, per l’una e l’altra ragione, pensare di fare una capatina in questo quartiere londinese può essere un’alternativa interessante durante uno dei classici viaggi a Londra.

brixton market

Subito, non appena usciti dalla metropolitana, ci si accorge di trovarsi in un quartiere multietnico. Si sa che Londra è un melting pot di culture, ma in quest’area si concentra con maggiore intensità la popolazione afro-americana, lo si denota dai visi che si incrociano per le strade, ma anche dalle insegne dei negozi, dai colori della merce esposta e dal tipo di cibo servito nelle caffetterie e nei take away. La ragione è semplice: nel dopoguerra molti emigrati provenienti dalle Indie Occidentali arrivarono a Londra a seguito dell’alta richiesta di manodopera e in tantissimi si insediarono a Brixton.

Passeggiare per Brixton è piacevole soprattutto per la multiculturalità che traspira da ogni sua cellula, ma non è sempre stato così. Infatti, fino a poche decine di anni fa questo quartiere di Londra si caratterizzava per l’alto tasso di criminalità e gli scontri quotidiani tra la polizia inglese e le minoranze che recentemente sono state superate da politiche sociali volte a risollevare questa ed altre zone simili di Londra.


🐘 Iscriviti alla newsletter e continua a viaggiare con noi! 🐘