America, USA

Visitare le Hawaii: quando, come e perché andarci

visitare le hawaii

La mia idea delle isole Hawaii è sempre stata legata a una scena de “La spada nella roccia”. Avete presente quando mago Merlino si teletrasporta a Honolulu? Ecco proprio così: spiagge, surf e Lei al collo.

Alcuni anni fa guardando un documentario in televisione c’è stata l’illuminazione: ho scoperto quanto superficiale fosse la mia conoscenza di questo arcipelago formato da otto isole (da sud a nord l’isola di Hawaii chiamata Big Island, Maui, Kahoolawe, Lanai, Molokai, Oahu,Kauai e, infine, Niihau), situato a 13000 km di distanza dall’Italia e ho deciso che, prima o poi avrei realizzato il sogno di vistare le Hawaii.
Il progetto ha preso piede piano piano, anno dopo anno.

laura hawaii

Molte persone pensano che, per un viaggio così impegnativo, sia più sicuro e semplice affidarsi a dei professionisti ma io ho fatto tutto da sola e non ho avuto nessun problema.

Visitare le Hawaii: otto isole, ciascuna con la sua particolarità

Ho iniziato a documentarmi online e ho scoperto che ogni isola ha caratteristiche molto diverse.

A Oahu non esiste solo Honolulu (città che per alto non mi ha impressionato) e la sua celebre Waikiki Beach, spiaggia da cui si godono dei tramonti molto belli.

Monte Tantalus Honolulu

Potrete, infatti, trascorrervi una settimana senza annoiarvi: se vi piace camminare in mezzo alla natura troverete diversi percorsi – trail – più o meno impegnativi attraverso vulcani spenti (Diamond Head), antiche ferrovie (Koko Crater), fari (Makapuu Point) o cascate; potreste vedere le performance dei surfisti lungo le spiagge della North Shore, fare snorkeling (non solo nella famosa Hanauma Bay) o visitare gratuitamente Pearl Harbor. Il grandissimo centro commerciale all’aperto Ala Moana vi stupirà.

tramonti hawaii

Volete vedere un canyon alle Hawaii? Visitate l’isola di Kauai (Waimea Canyon). Nell’isola, inoltre, troverete tantissime galline che passeggiano libere ovunque, anche in aeroporto. A questo proposito, ci sarebbe un interessante capitolo che riguarda proprio gli aeroporti alle Hawaii ma non svelo nulla…!

Maui, invece, oltre a essere la più costosa tra tutte le isole (tenetelo presente per il bene del vostro portafoglio!) vi offrirà una varietà di paesaggi spettacolari: potreste godervi l’alba sul vulcano Haleakalā a 3000 s.l.m.; percorrere in una giornata la “road to Hana”, una strada tutta curve lungo la quale farete diverse soste per vedere cascate, esplorare le spiagge di sabbia nera, bianca o rossa, fare un bagno e rimontare in macchina, gli alberi arcobaleno e baracchini che offrono frutta e prodotti tipici. A Maui basta spostarsi di poche decine di kilometri e noterete come il paesaggio cambi repentinamente.

spiaggia Maui Hawaii

Big Island è l’isola meno turistica, più selvaggia e di una bellezza incredibile. Qui potrete vedere il vulcano Kīlauea in eruzione: la lava che scende dalle sue pendici, un fiume rosso che sfocia nell’oceano. Lo spettacolo migliore è di notte quando sotto un cielo pieno di stelle, nel silenzio assoluto avvisterete questo bagliore, non c’è esempio migliore a mio parere per capire l’infinta potenza della natura. E se non dovesse bastarvi, troverete un secondo vulcano, il Mauna Kea, sulla cui cima sono posizionati numerosi telescopi, che lo rendono un punto di osservazione astronomica molto interessante.

caldera vulcano kilauea

Informazioni pratiche per organizzare un viaggio “fai da te” alle Hawaii

Il fuso di -12 ore consente a chi arriva da est di svegliarsi molto presto, cosa che fanno anche gli hawaiani. Non stupitevi di vederli surfare già alle 7 di mattina. Le giornate trascorrono velocemente e dopo il tramonto la vita notturna è ridotta al minimo.

parcheggio surf

Scegliere a quali isole dedicare il tempo non è stato facile (avrei voluto vederle tutte ovviamente). Io ho optato per Maui, Big Island e Oahu. Nel programma ho inserito tantissime cose da vedere e da fare, guidata dall’idea che sarà difficile ritornarci in futuro ma me le sono godute al 100% riempiendomi occhi e cuore di paesaggi, suoni e colori che mai avrei pensato esistessero. A chi mi chiede se ne valesse la pena la mia risposta è… Ovviamente sì!

Lanai Lookout

La scelta delle isole è stata anche determinata da considerazioni economiche, perché si sa che visitare le Hawaii è costoso. Il volo intercontinentale è una voce che incide nel budget poiché non esiste un collegamento diretto dall’Italia ma bisogna fare almeno uno scalo negli USA oppure raggiungerle via Giappone/ Corea.

A questo si aggiunge il noleggio dell’auto. Visitare le Hawaii senza affittarla rende tutto molto complicato: a eccezione di Oahu, infatti, il trasporto pubblico è limitato e si rischia di perdere un sacco di tempo. Per guidare alle Hawaii (come per la maggior parte degli stati americani) è sufficiente la patente italiana e le strade sono larghe e asfaltate. L’unica cosa da tenere presente è la scarsa illuminazione stradale, qui infatti l’inquinamento luminoso è ridotto ai minimi termini e di notte centinaia di stelle illuminano il cielo.

La terza voce di spesa è l’alloggio e, fidandomi degli esperti nei forum di viaggi, ho optato per affittare degli appartamenti in ogni isola, rinunciando agli hotel.

Capitolo cibo: ci sono soluzioni per ogni tasca ma orientarsi verso piatti hawaiian style, oltre a essere parte integrante dell’esperienza del viaggio aiuta a contenere i costi. Volete non provare il pesce crudo abbinato al riso (poke bowl), i gamberi piccanti, ananas e caffè? Potreste anche osare assaggiando il loco moco (riso sormontato da un hamburger e da un uovo al tegamino) o la pizza.

poke bowl hawaii

Attrazioni: anche in questo caso dipende da quali esperienze si vogliono fare. L’accesso alle spiagge è gratuito, così come la maggior parte dei trail. Io ho acquistato un pass per visitare i tre parchi nazionali delle Hawaii e ho speso 30 dollari. Se decidete di fare alcuni tour – famoso è quello che vi porterà a vedere le location di vari film come Jurassic Park o la serie televisiva Lost -, tour in elicottero, visitare i musei o assistere a spettacoli di danze hawaiane, il costo ovviamente sale.

consigli escursione lava

I miei consigli per visitare le Hawaii

Verificate di possedere un passaporto elettronico (nella copertina c’è il simbolo del chip), senza non ci si può mettere in viaggio per gli Stati Uniti.

Richiedete con anticipo rispetto alla data di partenza l’Esta (Electronic System for Travel Authorization). Questo documento fondamentale viene rilasciato online dall’autorità statunitense, previo pagamento di una tassa ($ 14) pagabile con carta di credito online. La procedura per ottenerla è semplice anche se non avete grande dimestichezza con l’inglese. In questo sito puoi trovare spiegata molto bene la procedura per ottenere il visto per gli USA.

Leggi anche “Documenti fondamentali per un viaggio negli USA”

Prenotate voli e alloggi per tempo. Tenete presente che il periodo che va dal Ringraziamento (fine novembre) a Capodanno e i mesi di luglio e agosto, sono considerati alta e altissima stagione quindi tutto costa di più. Febbraio, maggio, settembre e ottobre sono i mesi più economici e quelli in cui ci sono meno turisti, quindi, come è capitato a me, non farete code, troverete spiagge e parchi quasi deserti, parcheggi liberi e potrete godervi le Hawaii in pace.

Non mi resta che augurarvi buon viaggio!

*In collaborazione con Estausa.it*