Get ready to London

Valigia aperta in mezzo alla camera: c’è tutto l’indispensabile all’interno ma aspetto domani mattina per chiuderla, non si sa mai, all’ultimo ci si ricorda sempre di infilare qualcosa che si aveva dimenticato!

Domani sarà una mattinata interminabile al lavoro, in attesa dello scoccare delle 12.30 ora da cui partiremo per l’aeroporto di Venezia in direzione LONDON.

Sarà la mia quarta volta a Londra: non sono mai tornata così spesso in nessuna delle città che ho visitato perché normalmente preferisco sempre optare per un posto nuovo, che non ho mai visto prima ma con Londra è diverso. Mi sono innamorata di questo luogo ancora prima di visitarlo, conoscendolo sui libri di scuola, durante il corso di inglese, sui testi delle canzoni, nel film di Mary Poppins che fin da piccolissima era il mio preferito.

E quando ho avuto l’occasione di provare con mano, stranamente non sono rimasta affatto delusa. Dico stranamente perché le aspettative erano parecchio alte, e non era facile uguagliarle né tanto meno superarle. E invece eccomi qua, a tornare per la quarta volta.

Accompagnerò le mie amiche che non hanno mai visto questa città prima e mostrerò loro alcuni dei luoghi più belli e famosi. Ma soprattutto mi godrò la sua atmosfera unica.

Non vedo l’ora di fare un tour per Portobello road, ma soprattutto non vedo l’ora di inspirare quell’atmosfera vintage.

Londra Londra

Non vedo l’ora di vagare per i mercatini di Camden, ma soprattutto non vedo l’ora di sentire quel mix di odori provenienti da cucine di mille paesi che si concentrano tutti lì, nei pressi del fiume.

Non vedo l’ora di sentire l’irresistibile lingua inglese colorata di mille accenti: italiano, indiano, bangladesho.

Parco Londra Parco Londra

Non vedo l’ora di entrare in un parco (sperando in un po’ di tregua dalla pioggia) ed ammirare anche qui i toni caldi degli alberi in autunno.

Non vedo l’ora che sia domani. 🙂

Tags from the story
,
More from Vale Diarioinviaggio

Le verità di Lampedusa

Questo post è un misto tra uno sfogo e una riflessione. L’ho...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *