Pixar 25 anni di animazioni a Milano

“L’arte sfida la tecnologia e la tecnologia ispira l’arte” – John Lasseter

Questa massima di John Lasseter è impressa a grandi lettere sul muro della prima sala che ospita la Mostra “25 anni di Pixar” al PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano.

E a vedere i film della Pixar si capisce il senso di quella frase: anche questi film di animazione, come i vecchi cartoni animati, si generano da una storia e dalla creatività degli artisti che disegnano i bozzetti.  Solo dopo aver delineato in modo approfondito la storia, i personaggi e i loro aspetti caratteriali e le ambientazioni, tutto viene inserito nel computer e, attraverso complessi programmi di grafica, si da vita ad animazioni spettacolari. Tra arte e tecnologia si crea un circolo virtuoso, dove una alimenta l’altra per dare risultati sempre più innovativi.

pixar-5

La mostra della Pixar racchiude bozzetti, schizzi, prove grafiche, di tutti i film fatti fin’ora: dal primo Toy Story al terzo, passando per tutti i capolavori prodotti nel mezzo. La mostra si snoda di film in film attraverso disegni e quadri appesi alle pareti, statuine che riproducono i personaggi e animazioni proiettate sul muro.

Quello che mi affascina è la capacità artistica delle persone che generano i bozzetti, e che a partire da un paio di linee riescono a creare personaggi con le giuste proporzioni, ambienti e scenografie al di là dell’immaginario… E poi le trame dei film, che pur essendo adatte ai piccoli, racchiudono concetti profondi apprezzati anche dai grandi. Credo che sia questo, unitamente alla spettacolarità della grafica ad aver reso grande la Pixar!

pixar-3

pixar-2

Ma sono due i punti forti della mostra: lo ZOOTROPIO in 3D, un dispositivo fatto di tante statuine leggermente diverse le une dalle altre, che, muovendosi velocemente in circolo creano l’illusione ottica del movimento, e l’ARTSCAPE, un filmato che trasforma in animazione le opere esposte nella mostra, ed è arricchito da effetti sonori molto suggestivi.

Alla fine del tour avevo una gran voglia di riguardare immediatamente Monsters & Co., Alla ricerca di Nemo, Cars, Up!

Al piano superiore della sala espositiva una sezione dedicata all’evoluzione della Pixar e alle prime animazioni che l’hanno portata a raggiungere i grandi risultati successivi.

La mostra rimane aperta fino al 14 febbraio 2012 con orari dalle 9.30 alle 19.30, il giovedì l’orario di chiusura si protrae fino alle 22.30 (mentre il lunedì mattina è chiusa). Per raggiungere il PAC basta scendere alla fermata Palestro della linea rossa della metropolitana (M1).

pixar-4

Il biglietto d’ingresso è di 7.00 EUR (con varie riduzioni per studenti, bambini, scuole ecc.) e si possono anche noleggiare le audioguide. Io non ne ho usufruito, e forse per questo mi sono trovata un po’ in difficoltà a capire quale fosse il punto di partenza e il percorso da seguire: la mostra non è grande e l’ho girata tranquillamente in lungo e in largo, ma nonostante questo qualche indicazione in più l’avrei gradita.

Tags from the story
,
More from Vale Diarioinviaggio

Gita fuori Milano: Morimondo e la Strada dei 5 Colori

Il Ticino osserva silenzioso luoghi, cose e persone mentre scorre nella rinnovata...
Read More

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *