Laboratori di maschere artigianali a Venezia: come si fa una maschera?

Il Carnevale di Venezia è famoso, particolare ed importante, inoltre è qui che Goldoni ha dato vita alla Commedia dell’Arte fatta di opere teatrali dove i protagonisti erano maschere come Arlecchino, Colombina, Balanzone, Pulcinella e molti altri.

E’ per questo che ancora oggi a Venezia si possono incontrare numerose botteghe artigianali dove vengono prodotte maschere. Una bottega che mi è capitato di visitare è “Casanova Mask’s”, un negozietto molto semplice con un gran numero di bellissime maschere appese alle pareti! Il negozio si trova nel sestiere di San Polo (a pochi passi dalla Pasticceria Bucintoro, in direzione Rialto).

Al bancone c’è un signore che produce le maschere, quindi se si entra nel negozio è possibile vedere l’artigiano all’opera che dipinge  o crea le forme di carta pesta.

2012_02_Carnevale Venezia-15

Come si fa una maschera veneziana?

Beh innanzitutto bisogna avere diversi strati di carta pesta da unire con della colla vinilica, la carta viene messa in forma su degli stampi, in modo che prenda la sagoma della mascherina che si vuole creare. Quando la maschera di base è pronta ed asciutta , bisogna colorarla con dei colori appositi. E quando anche i colori sono asciutti si applica una sorta di cera, che da un aspetto più lucido ed antiquato alla maschera. In alcune è possibile che ci siano anche degli intarsi di pizzo, merletti e piume.

2012_02_Carnevale Venezia-13

2012_02_Carnevale Venezia-12

Al Casanova Mask’s si vendono oggetti prodotti in bottega o provenienti da altre botteghe della città, ma tutti rigorosamente artigianali e prodotti a Venezia. I prezzi sono vari ed è vero che una maschera molto elaborata può costare molto, però ci sono anche delle mascherine più semplici che partono dai 20 euro.

2012_02_Carnevale Venezia-16

A mio parere a volte vale la pena spendere qualche euro in più e acquistare un prodotto artigianale e veramente caratteristico di un luogo o di una città invece che comprare, magari per 10 euro, un gadget importato dalla Cina in una bancarella lungo la strada.

Tags from the story
More from Vale Diarioinviaggio

Trekking sul Tour del Monte Bianco

Perchè vado in montagna? Perchè alpinismo vuol dire natura (…) e perchè...
Read More

2 Comments

  • Hi Valentina,

    This is your Google Plus fiend Jack Rogers. I took the liberty to check your website and I have to tell you that I am very impressed with your work. I truly enjoyed your pictures and I hope I will have a chance to visit Italy soon.

    I will spend a little more time looking at your pictures this weekend.

    Great job…. have a good day. Ciao.

    Jack

    • Hi Jack, nice to see your comment here! 🙂
      I think in Italy you’ll find out fantastic subjects and landscapes for your photos! If you plan a trip in Venice and surroundings remember about me!
      Thank you for your support
      Have a nice day
      Valentina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *