Italia, Toscana

La semplice bellezza di Monteriggioni

toscana in camper

A meno di 15 minuti d’auto da Siena sorge su una collina il borgo murato di Monteriggioni. Molti lo chiamano castello di Monteriggioni, ma nella mia concezione di castello quale palazzo/residenza di nobili famiglie, Monteriggioni non ci rientra.

Monteriggioni è una cittadella fortificata rimasta pressoché intatta: conserva ancora oggi la sua cinta muraria in pietra di forma circolare, e le sue 14 torri, che anche Dante nominò nella Divina Commedia.

Cosa visitare a Monteriggioni

Il borgo è piccolissimo: in pochi passi lo si attraversa da un estremo all’altro, ma proprio nel suo essere così raccolto, oltre che per il suo essere un luogo estremamente curato, Monteriggioni ha una sua bellezza unica ed emana una tranquillità d’altri tempi.

Monteriggioni

Provenendo dalla Porta Romea (o di Levante), facendo pochi passi ci si trova in Piazza Roma, una piazza di forma allungata rettangolare al centro della quale si trova un antico pozzo, e dove si affacciano antichi stabili in pietra ora trattorie tradizionali che servono prelibati piatti toscani.

Uno degli edifici più importanti che si affacciano sulla piazza è la Pieve di Santa Maria, un’antica chiesetta che mantiene intatte le sue origini medievali. Subito accanto si trova la sede della mostra sulla Via Francigena. Eh si, perché Monteriggioni si trova proprio lungo l’antico percorso di pellegrinaggio che da Canterbury portava a Roma attraversando i luoghi santi della religione cristiana.

monteriggioni

Cosa non perdere a Monteriggioni

  • Salire sulle mura che circondano il castello: salire costa solo 2 € a persona e dall’alto è possibile ammirare il panorama sulla campagna collinare circostante.
  • Una passeggiata tra le viette del borgo, osservando le antiche costruzioni in pietra ristrutturate con cura, rese ancora più rustiche e belle da fiori ai davanzali e panni stesi alle finestre.
  • Entrare e uscire dai piccoli negozietti di artigianato locale che si trovano nel borgo, e per lo più lungo la via I Maggio che conduce alla Porta di Ponente.