Europa, Turchia

Istanbul, luoghi da non perdere

Domani è il grande giorno, finalmente partiamo per 4 giorni a Istanbul, una città che da lungo tempo mi incuriosisce e mi affascina.
Partiamo con un volo AirOne acquistato a febbraio, quindi vi lascio immaginare da quanto sto aspettando questo momento, 7 lunghi mesi di attesa e fantasticherie!

Cosa visitare a Istanbul

Abbiamo imbastito un programma di massima, l’indispensabile per non perderci i luoghi più turistici che in un primo viaggio a Istanbul  sarebbe un peccato non visitare, e poi ci piacerebbe perderci un po’ (anche se non in senso troppo letterale) per alcuni dei più bei quartieri della città.

Ecco i monumenti che vogliamo assolutamente vedere, conoscere e fotografare:

Santa Sofia

Prima chiesa cristiana, poi moschea e ora trasformata in museo, si erge imponente sul corno d’oro di Istanbul da ormai 1700 anni. E’ estremamente importante dal punto di vista storico proprio perchè ha vissuto le varie fasi che la città di Istanbul ha attraversato nel corso dei secoli, ma soprattutto dal punto di vista architettonico per la grandiosità della sua cupola, e la bellezza dei mosaici che si possono ammirare al suo interno.

santa sofia

Moschea Blu

E’ l’imponente moschea fatta costruire da un re musulmano sul Corno d’Oro, nei pressi di Santa Sofia, per cercare di superare la bellezza di Santa Sofia (nata come chiesa). Non so se siano riusciti nell’impresa, lo scoprirò visitandole entrambe. Sicuramente la Moschea Blu è molto amata per le innumerevoli ceramiche di colore blu che ne decorano gli interni.

moschea blu

Cisterna Basilica

Questa cisterna, che fu costruita nello stesso periodo di Santa Sofia, è stata scoperta solo nel 1500 da un francese che notava che i locali riempivano d’acqua dei secchi che facevano calare in dei buchi nel terreno. La cisterna è in realtà una sorta di basilica sotterranea visto che è costituita da delle navate divise da delle colonne.

cisterna basilica

Palazzo Topkapi

E’ l’antica residenza dei sultani, che comprendeva sia delle aree “pubbliche” dove veniva svolto il potere politico, che un’area privata, l’Harem, dove viveva il sultano con la sua famiglia. Questa zona oltre al fatto che deve essere molto bella mi incuriosisce molto perchè qui oltre al sultano ci vivevano fino a 500 persone tra mogli, concubine, schiave e numerosissimi figli. Oltre all’Harem nel palazzo c’è anche una grande raccolta di preziosi, il tesoro del sultano.

palazzo topkapi

Palazzo Dolmabahce

E’ il palazzo più recente tra quelli menzionati fin’ora, fu costruito attorno al 1850 e  diventò la residenza del sultano sostituendo il Palazzo Topkapi. Ancora oggi ha funzione di sede governativa. L’attrattiva principale sembrano essere gli interni, estremamente lussuosi.

Torre di Galata

Questa era una delle torri che facevano parte delle mura che circondavano in passato la città, da sempre è stato un punto d’osservazione per controllare le navi che si avvicinavano ad Istanbul via mare, poi è stata una prigione, e poi nuovamente vedetta. Recentemente è stata trasformata in un ristorante, che di sera diventa club/discoteca, ma l’attrattiva per noi è il bel panorama che si gode da qua sopra. Se non riusciremo a trovare un altro punto panoramico credo che saliremo ad ammirarlo da qui!

galata

Gran Bazar

Un ammasso di bancarelle e negozietti di ogni genere che vendono qualsiasi tipo di merce. Leggendo qua e là a proposito del Gran bazar sembra che si tratti di una trappola per turisti che vende un sacco di chincaglierie. Staremo a vedere.

gran bazar

Bazar delle Spezie

Il Bazar delle Spezie è uno dei luoghi che non vedo l’ora di visitare, spezie, odori e colori cangianti. Dev’essere splendido passare del tempo qui a fare foto alle merci e alle bancarelle.

bazar delle spezie