Heiligenblut favola ai piedi del Grossglockner

heiligenblut

Heiligenblut è un piccolo paesino della Carinzia orientale, sul confine con il Tirolo. Si trova poco più a nord di Lienz (conosciuta perchè punto di arrivo della famosa pista ciclabile italo-austriaca San Candido-Lienz), ai piedi del Grossglockner, la montagna più alta dell’Austria.

Qui, anche se ad anni alterni, con la mia famiglia trascorriamo da tempo le vacanze e ogni volta è un piacere fare ritorno principalmente per due ragioni:

In generale l’Austria è una destinazione indicata per persone con gli interessi più vari perchè ha un’offerta molto varia: propone vacanze relax, vacanze per le famiglie, vacanze attive (dalle semplici passeggiate nei boschi all’arrampicata e al rafting). Inoltre c’è un’ampia offerta di strutture ospitanti a seconda dei gusti, delle necessità e delle dimensioni del portafoglio dei visitatori: si può trovare alloggio in camere con colazione, campeggi, hotel (dalla piccola pensione all’albergo 5 stelle con SPA) accontentando così tutte le tipologie di turisti, dal bikers, ai campeggiatori, alle famiglie con bambini, alle coppie. Non succederà mai che in Austria tu non ti senta accolto bene.

heiligenblut

Heiligenblut è sinonimo di pace e relax.

Il paesino si trova alla fine della lunga valle attraversata dal fiume Moell in mezzo a montagne ricoperte di boschi di conifere e ampi prati verdi dove qua e la brucano cavalli e mucche. La chiesetta con il suo campanile alto e stretto in puro stile austriaco è l’elemento che caratterizza il panorama, ed onestamente anche l’unico edificio che spicca distinguendosi dagli altri! Non ci sono grandi attrattive da queste parti per chi cerca locali, negozi o centri commerciali per scatenarsi nello shopping, ma per chi ama la montagna e la natura questo è un paradiso.

heiligenblut

Da Heiligenblut parte la Grossglockner Hochalpenstrasse (la strada panoramica che porta sulla cima del ghiacciaio), e numerosi sentieri che conducono a laghetti, cascate scroscianti, cime di monti levigate dal vento. Inoltre con l’auto ci si può facilmente spostare: sconfinare nel vicino Tirolo per raggiungere Lienz e visitarne il centro città, fare rafting o canyoning in uno dei tanti torrenti della zona, visitare qualche castello.

heiligenblut

Volendo si trova sempre qualcosa da fare, ci si può rivolgere al centro d’informazione turistica in centro ad Heiligenblut per ricevere tutto il materiale informativo necessario per muoversi nell’area, anche perchè gli austriaci sono bravissimi a valorizzare ogni singola pietra del loro territorio.

heiligenblut

Io ho sempre soggiornato durante il periodo estivo in questa zona, quando il colore predominante è il verde dei prati e l’azzurro del cielo, quando le strade sono percorse da tantissimi motociclisti in sella alle loro moto, o da coraggiosi ciclisti che sfidano sé stessi nella lunga salita al ghiacciaio. Ma in inverno l’area è frequentatissima dagli amanti degli sport sulla neve visto che è anche un importante centro sciistico che può contare su lunghe piste che possono, nei punti più alti, raggiungere anche i 3000 mt.

Tags from the story
,
More from Vale Diarioinviaggio
Le esperienze da non perdere ad Amsterdam
Ho scritto tantissimo su Amsterdam (trovi tutti gli articoli qui), raramente mi...
Read More
Join the Conversation

3 Comments

  1. says: Alessandro

    Ciao Vale, complimenti bell’articolo. questa estate per la prima volta, finalmente, andrò sulle Dolomiti. ..staró una settimana nei pressi di Dobbiaco con un amico e poi vorrei itraprendere un viaggio e piedi e in treno fino a Monaco di baviera in solitaria. Hai qualche consiglio su posto da visitare, come muovermi ecc…?grazie in anticipo

    1. Ciao Alessandro, grazie mille!
      Conosco molto bene Heiligenblut ed il Grossglockner ma i dintorni no purtroppo!
      In ogni caso se parti da Dobbiaco puoi raggiungere Lienz con la ciclabile (affittando la bici e poi lasciandola a Lienz) e poi proseguire a piedi o con i mezzi pubblici. Io fossi in te non mi perderei il Grossglockner: puoi fermarti a Heiligenblut c’è un bel campeggio (ne ho scritto qui https://www.diarioinviaggio.it/2012/09/29/campeggio-nationalpark-hohe-tauern-heiligenblut/) e poi proseguire fino alla vetta e proseguire oltre verso il Zell am See. Sicuramente ci sono bus pubblici che collegano la zona!
      Fai un buon viaggio.. I panorami dell’Austria sono un sogno! *_*
      A presto
      Vale

Leave a comment
Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *