Asia, Europa, Turchia

Trasporti a Istanbul, speriamo ci investano!

A Istanbul si rischia sempre di essere investiti: lì guidano tutti come pazzi, le strisce pedonali non esistono e i semafori forse sono l’unica regola del codice della strada che ancora viene rispettata.

La mia speranza è che a Istanbul facciano qualche investimento (in denaro) per rafforzare il sistema dei trasporti pubblici.

Muoversi con i mezzi a Istanbul

Infatti, se è vero che passeggiare è il modo migliore per conoscere la città, è altrettanto vero che è impensabile credere di spostarsi tutti i giorni da un angolo all’altro solo con i propri piedini!

In particolare l’utilizzo dei mezzi è fondamentale quando ci si vuole spostare dalla zona del Corno d’Oro (Sultanhammet e quartieri adiacenti) e raggiungere la zona al di là del Ponte di Galata (Beyoglu).

In taxi

Per muoversi a Istanbul si può scegliere di spostarsi via taxi, mezzo che non abbiamo mai utilizzato e di cui quindi non posso dare consigli, se non quelli che io stessa ho letto prima di partire o che ci ha dato il personale dell’albergo, cioè:

  • Stabilite il prezzo della corsa prima di salire in taxi o rischiate di venir fregati
  • Una corsa da Sultanhammet a Beyoglu  si aggira attorno alle 10-15 TRY (a noi ne hanno chieste 30 solo per portarci da Eminonu a Sultanhammet e quindi abbiamo preferito farcela a piedi)
  • Prendere solo i taxi che indicano sulla fiancata il nome della compagnia, il numero di telefono della stessa e il codice del taxi, se non ce li hanno vuol dire che si tratta di taxi “illegali”.

In tram

In alternativa per spostarsi da un punto A ad un punto B ad Istanbul meglio di tutto è usare i mezzi pubblici, che sono più economici.
Il problema dei trasporti pubblici in città è che sono poco sviluppati: c’è una sola linea del tram a cui si aggiungono la funicolare che porta a Piazza Taksim, il Tünnel, e poco altro. Questo significa che i mezzi sono perennemente sovraffollati e che alcune zone sono “scoperte” (o meglio, forse sono raggiungibili tramite i bus pubblici ma non ho avuto tempo o modo di capire come questi fossero organizzati con orari e fermate, e dove ricevere eventuali informazioni a proposito).

Un viaggio sul tram costa 3 TRY (=1,5 €), mentre una corsa nel Tünnel o nella funicolare 4 TRY. Non esistono biglietti, bensì dei gettoni di plastica rossi che si inseriscono nei tornelli e che permettono di accedere alla banchina di attesa.

Per risparmiare sul costo dei trasporti è possibile acquistare la Istanbulkart, una tessera elettronica ricaricabile che si può ottenere ad un costo di 6 TRY e che vi permetterà di pagare i biglietti a metà prezzo.

La tessera può essere usata contemporaneamente da più persone, basta ricaricarla a sufficienza, e tra l’altro se volete, alla fine della vacanza, quando non vi serve più, potete restituirla e vi torneranno le 6 TRY. E’ sicuramente la soluzione migliore per viaggiare in città risparmiando.

Siccome questa Istanbulkart è un’iniziativa nuova, persistono ancora dei problemi organizzativi, per cui potreste avere delle difficoltà nel capire dove ricaricare la tessera… Comunque vi basterà chiedere ai disponibilissimi cittadini di Istanbul che passano nei paraggi e vedrete che vi daranno le indicazioni giuste!

Quindi speriamo che ad Istanbul potenzino le linee e rendano più chiare le indicazioni, nel frattempo munitevi di pazienza e preparatevi a venir schiacciati come sardine nel tram… alla fine anche questa è esperienza di viaggio! 🙂