Collaborazioni, Europa

Ad ottobre Roberta ci accompagna per cimiteri

Ottobre si avvicina: mese autunnale, le foglie ingialliscono e cadono dagli alberi che fino a qualche settimana prima erano verdi e rigogliosi. E’ il ciclo delle stagioni che prosegue, anno dopo anno. E’ il ciclo della vita.

In questo mese malinconico, che termina con Halloween e la festa dei Morti ho pensato di accogliere nel blog un’ospite speciale, che parlerà di un tema insolito. I cimiteri.

Io ai cimiteri ho sempre attribuito un’accezione negativa, di tristezza, di dolore… E niente di più. Ma confrontandomi con Roberta, che vi presenterò (anzi si presenterà tra poche righe), ho scoperto che i cimiteri possono essere importanti luoghi d’arte, fulcro di leggende, contenitori di storie, le storie delle anime che vi sono ospitate, e che quindi si possono trasformare in luoghi di interesse turistico e culturale.

Ecco come Roberta presenta sè stessa e la sua passione.

Ho iniziato per caso ad interessarmi dell’arte funeraria all’inizio degli anni ’90, durante il primo dei miei viaggi in terra di Albione. Fin da allora sono rimasta affascinata da questi musei a cielo aperto, ricchi non solo di storia e di cultura scolpite nella pietra attraverso le mille sfaccettature del simbolismo funerario, ma anche di storie vere e proprie di coloro che ci hanno preceduto raccontate nelle righe degli epitaffi e delle epigrafi, particolari di vite vissute che altrimenti oggi non sarebbero altro che polvere di un passato che ci sfiora. Ogni nuova visita è una scoperta in più che stimola la mia curiosità ed il mio senso artistico ed è per questo che ho deciso, insieme al mio amico e webmaster finlandese Jarkko Waari di raccogliere i miei lavori in una galleria dedicata intitolata Art in Death ed in seguito in una pagina Facebook.

Nelle prossime settimane, ogni venerdì a partire da quello in arrivo pubblicheremo un suo articolo dove ci porterà a scoprire alcuni dei cimiteri più interessanti e curiosi, affascinandoci con la loro storia e incantandoci con le loro peculiarità.

Io mi sono già fatta ammaliare dalle tante cose che Roberta conosce su questo mondo misterioso che non immaginavo nemmeno esistesse, ed è per questo che vi consiglio di seguirla nei suoi racconti, credo non rimarrete delusi.

Foto nell’header Roadsidepictures su Flickr