Italia, Toscana, Veneto

Il mio primo viaggio con Italotreno

E’ ormai da un po’ che è attivo Nuovo Trasporto Viaggiatori (Ntv), i treni meglio conosciuti come Italo, che sono i diretti concorrenti di Trenitalia.
Inizialmente Italo percorreva solo alcune tratte come Milano-Roma e Milano-Bologna, ma progressivamente la rete si sta estendendo e da qualche mese Italo è approdato anche a Venezia con una linea che arriva fino a Roma. Quale migliore occasione per provare il servizio che il mio viaggio a Firenze in occasione del BTO?

Innanzitutto per quanto riguarda la prenotazione online non ci sono stati problemi sul sito: nessuna difficoltà ad individuare stazioni di partenza e arrivo, consultabilità degli orari e tariffe spiegate in modo chiaro. Prenotando per tempo si riescono a trovare delle tariffe abbastanza economiche, naturalmente con condizioni restrittive (prenotazione non modificabile e non rimborsabile), ma assolutamente vantaggiose in particolare rispetto agli stessi prezzi per tratta di Trenitalia.

Con solo 1€ in più sul costo della prenotazione era possibile optare per la carrozza Smart, quella dove viene trasmesso un film. Ho deciso di fare questa spesa perchè volevo vedere di che servizio si trattava, e personalmente posso dire che la prossima volta non utilizzerò più questo servizio per vari motivi:

– Gli schermi sono posti in alto nel soffitto quindi il film è unico per tutta la carrozza e non c’è scelta: se ti piace quello che viene proiettato bene, se no amen. Nel mio caso hanno fatto vedere “Olè” di Boldi, film che non incontra i miei gusti personali, quindi nel caso ho preferito staccare l’audio e ascoltare un po’ di musica.

– Per chi non sale ad una delle prime fermate, e non scende in una delle ultime c’è il rischio di arrivare a film iniziato o di lasciare il treno prima di vedere la fine.

Ho deciso che la prossima volta opto per un film dal portatile.

In ogni caso c’è da dire che la carrozza smart è molto più tranquilla delle altre: più silenziosa perchè sono tutti concentrati sul film e con le luci abbassate… Quindi se volete star tranquilli e schiacciarvi un pisolino il mio consiglio è di spenderlo questo euro in più!

Altra cosa molto gradita è la connessione WiFi gratuita, senza parlare delle prese elettriche funzionanti dove ricaricare telefoni e computer.

Per quanto riguarda il treno naturalmente trattandosi di un mezzo nuovo è piacevole viaggiarci.

In termini di puntualità c’è da dire che anche Italo ha fatto i suoi 20 minuti di ritardo, ma considerato che posso basarmi solo sull’esperienza di una volta può essere stato un caso! Basta che i ritardi non diventino una regola come lo è per Trenitalia, anche perchè su Italo sono riposte molte speranze di un miglioramento nel trasporto ferroviario che la compagna statale non è stata ancora in grado di attuare.