Enogastronomia, Italia, Recensioni, Veneto

Ristorante Gam Gam, cucina kosher a Venezia

ristorante kosher venezia

Durante la mia visita al ghetto ebraico di Venezia è arrivata l’ora di pranzo e per avere un’esperienza culturale quanto più completa possibile ne ho approfittato per pranzare al ristorante Gam Gam, dove viene servita cucina kosher.

Mi ero già imbattuta in questo ristorante online, mentre cercavo dei locali con cucina ebraica in zona: credo sia l’unico o quasi, anche perchè il ghetto è molto piccolo.

La cucina kosher è tipica della religione ebraica. Kosher significa letteralmente “appropriato” e per essere tale deve rispettare innumerevoli regole imposte dalla Torah, la legge sacra, come il non utilizzo della carne di alcuni animali (primo tra tutti il maiale), il non utilizzo di alcuni prodotti, il non accostamento di alcuni prodotti con altri.

Il ristorante è adatto anche per vegetariani e vegani ed è possibile anche acquistare cibo d’asporto.

C’è una scelta varia di pietanze a base di verdure, carne e pesce, e una proposta di piatti tipici tradizionali.

ristorante kosher venezia

Noi abbiamo iniziato con un antipasto della casa, al prezzo di 9.80 € ci hanno portato una decina di ciotoline che contenevano assaggini vari: hummus, una salsa di melanzane, ceci e sedano, pomodorini, finocchi, una purea a base di uova… Il tutto accompagnato da pane azimo tiepido.

Un solo antipasto ce lo siamo spartito in tre, ed è stato assolutamente sufficiente. Successivamente abbiamo preso un piatto a testa: una mussaka, un kebab e un “pasticcio Gam Gam”.

ristorante kosher venezia

Il primo impatto con il menu è stato un po’ strano perchè piatti come la mussaka e il kebab sono pietanze che ricollego rispettivamente a Grecia e Turchia, però alla fine a pensarci beneè tutto normalissimo: gli ebrei hanno vissuto in tantissime zone del mondo dopo la diaspora, ed è normale che portino nelle loro tradizioni culinarie elementi dei loro paesi di origine.

Ci è piaciuto tanto tutto quello che abbiamo assaggiato e alla fine abbiamo pagato circa 20 € a testa.

Lo consiglio a chiunque voglia provare una cucina diversa e conoscere un po’ meglio una cultura diversa: sono sicura che anche il cibo può contribuire efficacemente a questo scopo!