Italia, Toscana

Scoprire il Pavimento del Duomo di Siena

duomo siena

Leggendo un quotidiano online mi ero soffermata su un articolo che descriveva con enfasi la “Scopertura” del pavimento del Duomo di Siena, che si svolge un volta all’anno tra settembre e ottobre.
Siccome non ero mai stata a Siena ho deciso di prendere la palla al balzo e visitare la città in occasione di questo evento.

Arrivati in città in tarda mattinata e dopo aver trovato parcheggio molto facilmente grazie alle indicazioni del Bed&Breakfast siamo andati a riporre i bagagli in camera. Il B&B “Le Camerine di Silvia” si trova in una posizione molto comoda, dentro le mura, a pochi minuti dal centro. Le camere sono molto spartane ma noi avevamo dato priorità alla posizione rispetto alla qualità della camera dato il poco tempo che avevamo a disposizione.

Visto l’orario la fame iniziava a farsi sentire e così abbiamo approfittato della gentilezza del figlio della proprietaria per farci consigliare un ristorante dove andare a mangiare i famosi “pici”!
Abbiamo pranzato all’Osteria “da Cice”, in via S. Pietro, ed è stato un ottimo consiglio: bruschetta con pomodoro fresco e un buonissimo olio di oliva, poi dei deliziosi pici cacio e pepe. Buon rapporto qualità/prezzo.

Nel pomeriggio abbiamo passeggiato senza meta per le vie del centro, con una sosta obbligatoria in Piazza del Campo, per poter ammirare la splendida cornice dove si svolge il Palio. Prima di rientrare al B&B siamo andati a visitare il Santuario di Santa Caterina e abbiamo fatto una sosta al Consorzio Agrario di Siena dove abbiamo acquistato un po’ di prodotti tipici (pici, olio d’oliva, vino, etc).

duomo siena

La mattina seguente siamo andati subito al Duomo: avevamo prenotato l’entrata alle ore 10.00, per evitare le lunghe code che si formano con il passare delle ore. Il Duomo già dall’esterno con il suo stile romanico-gotico e la facciata tutta in marmo bianco affascina. Varcata la soglia si rimane colpiti dalla ricchezza dell’interno dominata dalla bicromia bianco e nera: altissimi pilastri in marmo bicolore conducono lo sguardo verso l’altare maggiore e poi alzando la testa si può ammirare la cupola a cassettoni decorata a fondo blu e stelle in rame.

Abbiamo rivolto particolare attenzione al pavimento considerato uno dei più belli al mondo. Il progetto decorativo è durato sei secoli: iniziato nel ‘300 si è protratto fino all’800 per interventi di rinnovo e restauri vari. Si tratta di 56 tarsie: nelle tre navate si trattano temi relativi all’antichità classica e pagana mentre nel transetto e nel coro si narra la storia del popolo ebraico, le vicende della salvezza compiuta e realizzata dalla figura del Cristo. Vennero utilizzate diverse tecniche: si partì in modo semplice con il “graffito” ovvero il riempimento con bitume di solchi e fori praticate nelle tavole marmoree, per poi passare all’intarsio di marmi policromi e infine arrivare alla tecnica del “commesso” marmoreo (realizzata attraverso l’accostamento di grandi lastre di marmo di colori diversi) raggiungendo gradatamente una perfezione sorprendente.

Lungo la navata sinistra, merita un’”occhiata” la Libreria Piccolomini, completamente affrescata da Pinturicchio. Purtroppo all’interno del Duomo è vietato fare foto e mi sono tenuta alle regole.

duomo siena

Avevamo acquistato l’OPA SI PASS (€ 12.00) che oltre alla Cattedrale include l’entrata al Battistero, all’Oratorio, alla Cripta, al Museo dell’Opera e al Panorama dal Facciatone. Siamo riusciti a visitare tutto, tranne il Panorama dal Facciatone perché purtroppo c’era più di un’ora di coda per poter salire. Peccato perché si dice che da lì si possa godere della più bella vista di Siena.
Dopo un pranzo veloce in una tipica osteria, abbiamo fatto un’ultima piccola passeggiata prima di ripartire verso casa.

duomo siena

duomo siena

Siamo rimasti molto soddisfatti del nostro weekend: la città è piccola, vivibile e molto accogliente. Siamo inoltre rimasti colpiti positivamente dal rapporto qualità/prezzo del viaggio: alloggio, bar, ristoranti, negozi sono molto meno cari rispetto al nord.

Se qualcuno volesse visitare Siena consiglio vivamente questo periodo (settembre-ottobre), ammirare il pavimento del Duomo per intero è sicuramente un valore aggiunto.