Emilia Romagna, Italia

Una serata per bagni a Marina di Ravenna

Uno dei miei weekend dell’estate 2013 è trascorso a Ravenna, ed in parte è stato un deja vu. Come accadde 4 anni fa con un gruppetto di amiche pazze abbiamo trascorso la serata a Marina di Ravenna a ballare e divertirci tra i bagni, a piedi scalzi sulla sabbia bevendo mojito.

Ne è passata di acqua sotto i ponti da quell’estate di 4 anni fa, eppure non sembrava. Anche quest’anno ho ritrovato la stessa Marina di Ravenna che mi aveva entusiasmata perchè qui la festa inizia in spiaggia mentre sta calando il sole, e lì continua fino a notte.

Solo sabbia, aria di mare, musica, infradito. 100% Romagna.

A Marina di Ravenna ci sono parecchi bagni sulla spiaggia, io mi sono lasciata guidare dalla mia amica Laura in alcuni di questi, ognuno diverso diverso dall’altro!

Bagni marina ravenna

Questo posto è davvero pazzesco: arrivi e ti posizioni su uno dei tanti teli bianchi adagiati sulla spiaggia. Lo spettacolo è davvero suggestivo, soprattutto quando il sole inizia a calare e alle spalle c’è il mare, intorno è pieno di ragazzi che fanno festa appena risaliti dalla spiaggia e davanti a te una bella caraffa di Mojito…

E’ possibile anche servirsi dal libero buffet, ma sinceramente quello che ho visto era molto “povero”, meglio optare per una pizza fatta al momento sempre nel bagno.

Website

SIngita marina di ravenna

Bagno Sottomarino

Qui la parola d’ordine è musica rock e birra a fiumi! Mentre negli altri bagni la musica è per lo più commerciale, dance ed house, qui penso sia uno dei pochi posti (e forse l’unico) in cui divertirsi ascoltando della buona musica rock.

Devo dire che è anche il mio preferito, proprio per il tipo di musica che propone!

Website

Toto Beach

Qui la musica è molto commerciale, c’è una veranda dove è posizionato il DJ che suona guardando il mare. Davanti una pista e poi la sabbia punteggiata da palme luminose dove ballare a piedi nudi

Website

Toto Beach

Di bagni a Marina di Ravenna ce ne sono veramente tanti da provare, tutti si differenziano per la musica, per l’età media e la provenienza di chi li frequenta.

Provateli, trovate il vostro preferito e fatemi sapere! 🙂