Passeggiata di Cordogné – San Giovanni a Primiero

In montagna ci sono percorsi di ogni difficoltà adatti a tutti.

A me piace molto passeggiare in montagna, ma preferisco i percorsi più semplici, che non sono troppo ripidi altrimenti… Fiato corto, sudorazione a mille e faccia paonazza!

Nel weekend della Desmontegada a Primiero ho affrontato una piacevole passeggiata di “mezza quota”, da poco inaugurata: il sentiero di Cordogné-San Giovanni.

Siamo partiti a piedi dal Rifugio Caltena, un rifugio di charme ampliato e messo a nuovo che si trova tra prati in quota a 10 minuti d’auto dalla valle del Primiero. La strada dapprima bianca e poi asfaltata attraversa sinuosa prati verdissimi dove brucano placide le mucche e dove qua e la si vedono semplici case di pietra e legno con balconi colorati di fiori rigogliosi che le rendono ancora più belle.

codogne-san-giovanni-primiero-16 codogne-san-giovanni-primiero-15

Dopo un tratto in discesa raggiungiamo l’inizio del sentiero.

Non ci si può sbagliare: c’è un paletto di legno con la sommità rossa che lo indica! Lo stesso che si ritrova lungo il percorso ad indicare il tracciato. Da lì si sale in mezzo al bosco ed in 10-15 minuti ci si trova sulla cresta della bassa montagna.

codogne-san-giovanni-primiero-3 codogne-san-giovanni-primiero-2

Quindi la passeggiata prosegue tra gli alberi, lungo il crinale, aprendosi a destra o a sinistra con delle balconate sulla valle e sulle montagne dei dintorni. Prima una finestra sulla Valle del Primiero e le Pale di San Martino, poi un’altra sui prati di San Giovanni e la piccola chiesetta, poi sulla catena delle Feltrine e sul Monte Pavione che visto da qui ha una particolare forma a piramide…

codogne-san-giovanni-primiero-4 codogne-san-giovanni-primiero-6

E ad ogni “finestra” è posizionata una panchina dove riposarsi o semplicemente sedersi ad ammirare il panorama, godere della tranquillità del bosco e della magnificenza delle montagne.

Nel vero spirito della comunità di Mezzano, che ha promosso la creazione di questo sentiero, molte sono le indicazioni che mostrano gli antichi segni del mondo rurale, come la montagna era negli anni passati.

Dopo aver passeggiato nel bosco all’ombra di abeti e faggi il sentiero scende e si ricollega alla strada asfaltata: continuando dritti si arriva a Mezzano, se invece si segue il tracciato si raggiungono i bellissimi prati di San Giovanni ricoperti di fiori di montagna e di fresca erba verdissima, dove si trova anche la piccola chiesetta di San Giovanni che in precedenza vedevamo dall’alto.

codogne-san-giovanni-primiero-10 codogne-san-giovanni-primiero-8

Un pic nic veloce seduti tra i fiori del prato ad ammirare i colori della natura, ascoltando il tintinnio dei campanacci delle mucche e respirando a pieni polmoni quell’aria profumata che sa di purezza. Un panorama davanti a noi che sembra uscito da un libro di fiabe.

In circa 3 orette in cui avevamo alternato la passeggiata a piccole soste per pranzare, fotografare, ammirare, abbiamo raggiunto nuovamente il Rifugio Caltena dove abbiamo cenato e pernottato in una magnifica camera che ci ha accolti con il profumo del legno ed il calore del piumone. Senza lasciarci scappare una visitina anche della piccola ma deliziosa sauna dell’albergo…

codogne-san-giovanni-primiero-19 codogne-san-giovanni-primiero-20

Per chi ama passeggiare senza troppe fatiche, unendo anche il piacere di assaggiare le prelibatezze della cucina trentina l’Apt di Primiero organizza i Genusswandern, le passeggiate del gusto: dei pacchetti molto economici che comprendono pernottamento in 2 rifugi (tra cui il bellissimo Rifugio di Charme Caltena) e cene a base di sapori trentini, mentre durante il giorno si percorrono tranquilli e facili sentieri (come quello di Cordogné-San Giovanni che abbiamo affrontato noi).

Le Genusswandern terminano il 20 ottobre 2013, ma potrebbero riprendere nella primavera 2014. In ogni caso il percorso Cordogné-San Giovanni è sempre aperto, così come è aperto d’inverno anche il Rifugio Caltena, che consiglio a chi desidera un po’ di relax lontano dai rumori della città, ma anche per chi cerca un buon punto di partenza per le escursioni tra i prati e i boschi del Primiero. 

More from Vale Diarioinviaggio

Gusti di frontiera a Gorizia: i sapori dal mondo si incontrano qui

Gorizia è una città del Friuli Venezia Giulia al confine con la...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *