Zidarich grotta e cantina sul Carso triestino

zidarich osmiza

Il vino è la poesia della terra – Mario Soldati

I colori del Carso d’autunno devono ancora esplodere, il Sommaco deve ancora diventare rosso fuoco, ma alcuni cespugli stanno già acquistando un colore arancione e rosato. Presto questa pianta tipica del Carso triestino incendierà il paesaggio.

Io oggi vado alla scoperta del Carso fatto di filari di vite e di tradizioni, di amore per il territorio, per questa terra contesa tra Italia e Slovenia ma che, indipendentemente dai giochi politici che l’hanno rimbalzata di qua e di là, non ha mai perso la sua identità che è ben definita negli animi di chi qui ci vive da sempre.

L’azienda agricola Zidarich apre le sue porte a me e al resto del team di #BarcolanaLIVE.

Zidarich è un nome rinomato tra i conoscitori del vino buono, io la scopro oggi per la prima volta, in una giornata grigia ed a sprazzi piovosa. Ma anche se il meteo sembra non voler collaborare a rendere più piacevole la visita, la location ed il contesto sono sufficienti per meravigliare chiunque.

Il paesino di Prepotto è piccolo, le pozzanghere riflettono nuvoloni grigi, le stradine e le case sono silenziose. Superiamo un grande cancello e ad accoglierci ci sono le pietre grigie dell’abitazione, vecchie botti e tini di legno che trovano spazio negli angoli del giardino.

azienda agricola zidarich
L’ingresso all’azienda agricola Zidarich

L’area degustazione è stata recentemente ristrutturata e da una grande vetrata si esce nella terrazza che domina una vista magnifica sul golfo di Trieste e sulle dolci colline carsiche punteggiate di case e filari di viti.

Il mare è una tavola piatta e grigia che all’orizzonte si fonde con il cielo. Ogni tanto un raggio di sole squarcia le nubi ed illumina chiazze di golfo facendole luccicare brillanti. Immagino come possa essere la vista da qui nelle giornate limpide ed asciutte: sicuramente si vedrebbero le coste della Croazia e lo sguardo si perderebbe chissà fin dove.

Azienda Agricola Zidarich
Panorama dalla terrazza dell’Azienda Agricola Zidarich
Azienda Agricola Zidarich
Un bicchiere di vino in terrazza

Benjamin Zidarich ci porta prima tra le viti e noi lo seguiamo incuranti della pioggerellina fine o del fango, poi scendiamo nella nuovissima cantina inaugurata nel 2009 completamente scavata nella roccia carsica.

Entro e mi investe l’odore del mosto che sta riposando in tre grandi tini all’ingresso: gli acini scuri emergono da quella brodaglia che sa di vendemmia, che vorresti toccarla, ma non puoi, allora la aspiri a pieni polmoni. Profumo di zucchero, di uva, di legno, di grotta.

Azienda Agricola Zidarich
Il mosto riposa nei tini
Azienda Agricola Zidarich
Le botti in cui la Vitovska invecchia

Scendiamo le scale ed entriamo in un mondo sotteraneo di botti di legno allineate: qui il vino invecchia per almeno due anni nel cuore del Carso, non per modo di dire. E’ la roccia viva quella che circonda la cantina, rivoli di umidità gocciolano dalle pareti.

Il Carso respira da Zidarich.

E’ una cantina naturale fatta di materiale naturale: ciò che è stato scavato per ricavare questi spazi è stato anche ri-impiegato.

Azienda Agricola Zidarich
La cantina scavata nella roccia

Qui dentro non servono impianti di raffreddamento, la temperatura è stabile tutto l’anno protetta da questo involucro di roccia che fa da mamma alle botti e alle bottiglie di vino.

Ed è qui che tra il legno e la pietra degustiamo il fiore all’occhiello della produzione vinicola Zidarich, la Vitoska, e poi il Terrano di Zidarich come mi ha detto qualcuno un po’ scherzando, ma forse neanche tanto, è un vino che fa innamorare, tanto che bisogna fare attenzione a berlo con il fidanzato perché – incantato da tanta bontà – potrebbe farti una proposta di matrimonio.

Azienda Agricola Zidarich
Azienda Agricola Zidarich
Azienda Agricola Zidarich
Benjamin Zidarich

Vi dirò, a me non sono state fatte proposte di questo tipo, al massimo mi è stato chiesto se volessi che mi venisse rabboccato il calice… Ma se vi va di provare sulla vostra pelle se la leggenda è vera, la cantina Zidarich è aperta per degustazioni.

Di sicuro c’è da innamorarsi: del brullo e ruvido Carso, dei suoi colori sgargianti, dell’ampio panorama sul Golfo che si può godere da qui sopra, del vino buono, dell’ospitalità calda e gentile.

Azienda agricola Zidarich
Loc. Prepotto, 23
Duino Aurisina – Trieste
http://www.zidarich.it/

Tags from the story
,
More from Vale Diarioinviaggio

Umbria: pace, natura e buon cibo

Twitter è uno strumento che mi piace sempre di più, ti da...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *