L’invasione delle Penne Nere

Probabilmente non è così sentito in tutta Italia, ma al nord soprattutto, e anche tra Veneto e Friuli Venezia Giulia gli alpini sono da sempre figure “leggendarie”.

Leggendarie perché hanno combattuto la guerra qui tra le Alpi a piedi con i loro asinelli, perché erano i nostri nonni e bisnonni, e perché le loro storie ci sono state raccontate fin da quando eravamo piccoli. Perché la guerra si è combattuta qui, sui nostri territori di frontiera e se vai a fare una passeggiata in montagna trovi ancora le trincee dove combattevano con le altre truppe o le caserme ormai chiuse ed abbandonate dove le brigate si addestravano.

Sarà per questi vecchi sentimenti che Pordenone, e l’intero circondario hanno accolto così bene questa 87. Adunata Nazionale degli Alpini.

O sarà per lo spirito di queste persone, che sono così unite tra di loro in quanto “corpo degli alpini” e così bendisposte verso gli altri che alpini non sono.

Sono stata sabato a Pordenone, non volevo perdermela questa adunata così vicino a casa, e sono rimasta piacevolmente sconvolta dalla marea di gente che c’era, e da quanti tra quelli indossavano quel cappello verde con la piuma nera. Anziani ed uomini di mezza età, ma anche tanti più giovani che alpini erano diventati solo pochi anni prima.

alpini-2 Alpini

E poi tanta gente comune, famiglie anche con bambini piccoli che con le loro magliette “Mio nonno è un alpino” facevano una tenerezza assurda e con poco dimostravano quanto “l’alpinità” anche se di un parente fosse motivo di grande orgoglio.

E non vi dico la mia felicità quando alla fine sono riuscita a farmi fare una foto con dei veri alpini (che mi hanno prestato anche il cappello): dei simpaticissimi signori provenienti da Savona, che mi hanno raccontato con enorme orgoglio che la mattina seguente avrebbero sfilato nella grande parata portando la bandiera italiana lunga 8 metri.

alpini-

E poi un pensiero sorridente a tutte quelle mogli di alpini che anno dopo anno, cascasse il mondo accompagnano i loro mariti a questi raduni: forse un po’ perché si divertono anche loro, forse un po’ per tenerli d’occhio! 😉

Mi è piaciuto passeggiare per le vie affollate di una Pordenone assolata e felice in questa veste insolita ma che le calzava a pennello.

Che emozione poi guardare la parata della domenica mattina, anche se solo da casa, in TV. Una parata infinita, durata ore, con una breve incursione delle frecce tricolori.

Vedere sfilare un gruppo di centinaia di migliaia di persone, unito che rappresenta l’Italia, che crede nel tricolore che porta.

alpini-elena-pinna adunata-alpini-3 adunata-alpini

adunata-alpini-1 adunata-alpini-2

Ed il bello degli alpini è che non sono laggiù lontani e distaccati, con una divisa che li separa e li differenzia dal resto di noi: è per questo che la gente gli vuole bene. Sono lì pronti ad offrirti un bicchiere di vino, ad intonare un canto o a suonare una fisarmonica con estrema leggerezza, ma allo stesso tempo sono pronti a sfilare ininterrottamente sotto una pioggia scrosciante, sotto la grandine, senza paura, tenendo alta con orgoglio una bandiera.

87. Adunata Alpini - Credits Fabrice Gallina
87. Adunata Alpini – Credits Fabrice Gallina

Vi lascio con questa foto della parata di domenica, per dire che forse potremmo tutti imparare qualcosa dal temperamento di queste persone che sanno apprezzare la vita, ma credono anche in dei bei valori e – perché no – nel valore della nostra bella Italia.

Un sogno: l'Italia come gli alpini - Credits Elena Pinna
Un sogno: l’Italia come gli alpini – Credits Elena Pinna
More from Vale Diarioinviaggio

Open House a Roma: visita all’Auditorium Parco della Musica

Il caso ha voluto che proprio il weekend in cui ci trovavamo...
Read More

4 Comments

  • Sei riuscita a commuovere profondamente anche me… Queste parate, l’orgoglio di aver combattuto per la libertà, il concetto di Italia come patria e non come nemico succhiasoldi… Beh, fanno brillare in me quel poco di italianità.
    E si sente che tu l’hai vissuta proprio col cuore… Post bellissimo.

    • Sarà che qui per me è casa, e che comunque tutta l’Italia è bella, ma io ho una predilezione per questa regione ricca di tradizioni, natura e belle persone (che tutti dicono che sono chiusi i friulani, ma non è sempre vero)
      Io te la consiglio con tutto il cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *