Quello che ti serve sapere sulla metro a New York

To be honest… La metro è un po’ uno dei punti oscuri di New York.

Sognatevi la chiarezza e la facilità dell’Underground londinese o la capillarità di quella parigina.

La metro di New York è abbastanza un casino, soprattutto all’inizio, fino a che non ci prendi un po’ confidenza ed entri nell’ottica di come funziona. Poi una volta che bene o male ne avrai capito l’organizzazione la prenderai con più serenità, anche se poi continuerai comunque a sbagliare ingresso o treno di tanto in tanto.

Perché è “incasinata”?

Il problema principale con la metro di New York a parere mio è che sulla linea di uno stesso colore passano più treni differenti che – pur facendo lo stesso tragitto – fanno fermate diverse. Infatti alcuni sono “Express” (espressi) ed altri sono “Locals” (fanno tutte o quasi le fermate).

E poi non è detto che se devi prendere il treno per uptown o quello per downtown entrerai per forza dal medesimo ingresso. Potresti dover accedere da due scale differenti, situate su due punti diversi della strada, o magari in due vie diverse.

E poi gli ingressi in metropolitana sono segnati non male… Di più! Perché non mettere una grande M rossa come fanno a Milano o il segno blu e rosso dell’Underground come fanno a Londra? No, a New York c’è a malapena (e solo qualche volta) una piccola M bianca su sfondo blu o dei lampioni verdi (che spesso o non ci sono o sembrano invisibili).

Eccole qui le principali criticità della metro a New York.

Metro a NY
Metro a NY

Costi e vantaggi

Detto questo aggiungo anche che io in città mi sono sempre e solo spostata grazie a questo mezzo. Non ho mai preso un taxi (e lo dico con una vena di dispiacere perché anche questa è una delle esperienze che forse s’hanno da fare), né un autobus (ho capito come funziona la metro ma non mi sono spinta così in là dall’orientarmi anche con le corse dei bus).

Le prime difficoltà con la metro le ho avute ad Howard Beach, scesa dall’AirTrain, ma sono state risolte in fretta dalla pronta assistenza dell’operatrice che ci ha aiutati a fare i biglietti: un importo cumulativo caricato sulla Metro Card (una carta ricaricabile che costa 1 $ e che conviene mettere da parte per ricaricarla successivamente evitando di doverla riacquistare).

Il costo di ogni singola corsa in metro è di $ 2.50, ma se prevedete di stare per lunghi periodi a New York tanto vale fare la Unlimited ride Metro Card: c’è quella da 7 giorni che costa 30 $, o quella da 30 giorni che ne costa 112 $.

Noi che abbiamo soggiornato per circa 9 giorni per i primi 7 giorni abbiamo viaggiato con la 7-Day unlimited Metro Card, mentre negli ultimi giorni abbiamo pagato le singole corse: cercando di camminare il più possibile ed usufruire al minimo dei mezzi negli ultimi giorni abbiamo speso circa 15$ a testa di metro… Quindi vi consiglio di fare l’abbonamento!

Passare la card ai tornelli però non è sempre efficace e capita che se la strisciate troppo lentamente o troppo velocemente non ve la prenda. A me una volta è capitato che il sistema non aveva letto la tessera, ri-strisciandola il tornello non si apriva e compariva il messaggio che la carta era già stata utilizzata, in più nell’ingresso in questione non c’era nessun operatore a cui chiedere… Risultato: ho dovuto fare un ulteriore biglietto singolo per passare senza aspettare.

Foto credits Stefano Bertolotti Flickr

Esci dalla metro e ti senti persa

Difficoltà noi ne abbiamo avute anche uscendo dalla metropolitana, quando siamo “riemersi” in città (saremo un po’ impediti o è cosa normale??). Innanzitutto spesso ci sono più uscite su vie diverse, e speri sempre di uscire da quella più vicina al posto che devi raggiungere (a volte cammini un bel po’ sottoterra e quando sbuchi fuori scopri che avresti dovuto uscire da tutta altra parte), e poi una volta fuori sei disorientato: pensi di essere in un punto invece sei in un altro, pensi di dover andare a destra invece avresti dovuto andare a sinistra.. e te ne rendi conto solo dopo uno o due isolati percorsi a piedi.

Quanti chilometri abbiamo macinato noi “per errore”!

Leggendo la guida di NY
Leggendo la guida di NY

Ma quanto è sporca?

Un’altra cosa: la metro di New York è abbastanza sporchina… Non che in altre città del mondo sia pulita per carità, è pur sempre un luogo di passaggio per milioni di persone quindi non si può pretendere, però tra il pattume sui binari ed i ratti che ogni tanto vedi scodinzolare là sotto non è proprio il massimo dell’igiene. Però anche per i più rupofobici (l’ho cercata sul dizionario questa parola, sono i fobici dello sporco) basta munirsi di gel disinfettante e passa la paura!

Curiosità

Proprio mentre ero in vacanza a New York mi è arrivata la newsletter di Una cosa al giorno con un video simpaticissimo che ha dato senso ai miei momenti in metropolitana nei giorni successivi.

Ho scoperto che i conducenti dei treni quando arrivano in stazione devono indicare un apposito cartello a strisce bianche e nere: serve a dar prova della loro attenzione.

Dopo aver visto il video (che vi linko qui sotto), ad ogni treno che arrivava ero lì pronta a cercare i cartelli e a verificare che i conducenti lo indicassero davvero. Una sera che mi si è fermato davanti il treno e il conducente ha indicato proprio il cartello che stava sopra di me ero felicissima! Senza saperlo… He made my day! 😀

Ultimissima cosa!

Che voglio raccontare perché sa troppo da New York, USA e film poliziesco: sia al nostro arrivo alla stazione della metropolitana di Brooklyn provenendo dall’aeroporto, sia alla nostra partenza dalla stessa stazione il giorno in cui andavamo a riprendere l’aereo… Nella stazione della Metro abbiamo visto un arresto!

Un gruppo di poliziotti del NYPD che portavano via un ragazzo ammanettato.

Ragazzi, che scena, sembrava di stare in un film! Ma alla fine a New York è sempre così… Ovunque ti giri ti sembra di essere in uno dei tanti film che hai visto in cinema o in TV che sono stati girati qui!

Per tutte le info sulla metropolitana consultate il sito ufficiale della Subway di New York

Foto in alto Stefano Bertolotti

More from Vale Diarioinviaggio

Viaggiare in Europa con un cane

Questo è un articolo molto pratico ed informativo sulla documentazione necessaria per...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *