America, Enogastronomia, Mondo, USA

Street food a New York: i food truck

Qualcosa che mi è rimasto impresso a Manhattan? Le pause pranzo.

Il momento in cui lo sciame di impiegati scende dagli alti grattacieli di New York per prendersi la meritata ora d’aria nelle strade della città alla ricerca di un pranzo veloce.

E spesso il pranzo veloce si trova nei truck food lungo le strade, i camioncini che diventano delle tavole calde ambulanti.

Quando parlo di food truck non intendo i venditori di hot dog, che comunque sono un’alternativa molto cheap per un pranzo veloce oltre che una “tipicità” dello street food di New York che non mi sono esentata dal provare, anche più volte. Ma c’è da dire che molto spesso il livello (ed anche il costo) di quello che viene servito nei food truck di cui vi parlo qui è superiore agli hot dog che non sanno di molto altro se non di ketchup e mustard.

I food truck uniscono la necessità del pranzo veloce degli impiegati alla naturale multietnicità di New York con conseguente presenza di cucine dai gusti diversi. Facendo anche felici i turisti come me. 🙂

Già da casa avevo adocchiato qualche sito che elencava i food truck di New York, poi una volta in città mi sono messa sulle loro tracce…

Dico che ne ho seguito le tracce perché in genere ogni giorno il food truck si posiziona in un posto, in un quartiere o una via diversa della città. E’ possibile vedere dove si trova seguendo il sito o il profilo Twitter del camioncino, o – come ho fatto io – seguendo il sito The roaming hunger (ne ho parlato anche qui) che indica sulla mappa tutti i food truck presenti in tempo reale in una certa zona.

Food truck a New York

Food truck a New York

Uno in particolare mi premeva provare: il Red Hook Lobster Pound, un food truck che serve panini a base di aragosta (e che ha il suo quartier generale a Red Hook, uno dei quartieri di Brooklyn).

Dopo tanto cercare, all’incrocio tra la 50th Street W e la 5th avenue, in un tiepido e assolato giorno di aprile il camioncino era lì ad aspettarmi, affiancato a molti altri, ciascuno dei quali proponeva la sua specialità: cibo thai, cinese, specialità dal Belgio o da altre regioni d’Europa e del mondo.

Mi sono subito fiondata dalle aragoste: il prezzo mi ha un momentino spaesata (16$ a panino) ma non ci ho ripensato! Un panino con lobster condita con il limone per me e uno di lobster al burro per Raffa… Non me ne vogliano eventuali vegetariani all’ascolto, ma giuro che era la morte sua!

Lobster food truck

Listino prezzi

Panini con l'aragosta

Panini con l’aragosta

Volevamo fare il bis ma abbiamo optato per un fritto (leggero) al truck di specialità belghe lì accanto (però con il senno di poi era meglio spendere altri 16 $ a testa per un altro di quei panini rosa!).

A parte il mio evidente amore (scoperto in quel momento) per le aragoste e che spero mi condurrà prima o poi nel Maine per gustarne a palate, di food truck ce ne sono davvero a bizzeffe: da quelli che vendono sundae a quelli specializzati in cucina messicana, greca, del sud est asiatico… Sono dispiaciuta di averne testati così pochi, e spero un giorno di fare un viaggio a tema a New York di cui lo scopo sarà provare e recensire tutti i food truck presenti. 😀

Naturalmente il fascino di queste tavole calde per motivi pratici è molto maggiore nelle stagioni più calde o tiepide (vi sfido a gustare il vostro piatto con 0° C ed il vento che taglia il viso seduti ad una panchina).

Che mi dite, voi avete mai pranzato ad un food truck a New York? Se sì voglio assolutamente sapere quale e il voto che date al cibo! 😀