Italia, Veneto, Veneto Orientale

La leggenda della Madonna dell’Angelo di Caorle

santuario madonna dell'angelo caorle

Caorle è quella graziosa cittadina di pescatori che si trova lungo la costa veneta adriatica. Di lei ve ne ho già parlato in altre occasioni perché ha un centro storico così bello che io la scelgo volentieri non solo per trascorrerci le giornate al mare durante l’estate ma anche quando ho voglia di fare una passeggiata lungo mare durante tutto il resto dell’anno.

Caorle

Caorle

Quando passeggio a Caorle amo perdermi tra le piccole calli e i campi su cui si affacciano le case variopinte (come in una piccola Burano) ma anche costeggiare il mare camminando sulla promenade che conduce al Santuario della Madonna dell’Angelo con un occhio all’orizzonte e alle onde che si increspano, uno ai grandi massi scolpiti di “Scogliera Viva” e uno alla piccola chiesa adagiata sul promontorio che guarda all’acqua.

Passeggiata lungo mare, Caorle

Passeggiata lungo mare, Caorle

Proprio la chiesetta è uno dei luoghi più importanti della città per gli abitanti di Caorle: al suo interno è conservata la statua della Madonna, protettrice dei pescatori, a cui è legata una curiosa leggenda.

La leggenda della Madonna dell’Angelo

Secondo la leggenda, dei pescatori una notte uscirono in mare per pescare, così come accadeva tutte le notti. Quella volta però successe qualcosa di strano: videro una luce all’orizzonte, avvicinandosi si accorsero che a brillare era la statua di una Madonna con bambino che poggiava su un basamento di marmo e galleggiava nell’acqua.

I pescatori portarono a riva la statua e tutta la popolazione di Caorle accorse in spiaggia per vederla. Felici, con grandi festeggiamenti decisero di trasportare la statua nel Duomo della città ma, pur provandoci in numerosi, i robusti pescatori non riuscivano più a spostare la statua. Allora il Vescovo diede il compito a dei bambini che grazie alla loro purezza ed innocenza riuscirono a condurre la statua della Madonna fino al Duomo.

Il giorno successivo però la statua era scomparsa dal Duomo dove era stata trasportata, allora tutti si recarono in spiaggia a cercarla e scoprirono che la statua si era misteriosamente spostata nella chiesetta in riva al mare. Da quel momento in poi la statua della Madonna con il bambino rimase al suo posto e la chiesa fu ribattezzata Santuario della Madonna dell’Angelo.

La leggenda della Madonna dell’Angelo è stata raccontata in modo originale nel video qui sotto, che vi consiglio di guardare.

La festa della Madonna dell’Angelo

Per festeggiare la Madonna a cui erano devoti, i caorlotti hanno sempre fatto una grande processione via mare la seconda domenica di settembre, solo che in passato la processione avveniva ogni 25 anni.

In seguito alla visita di un cardinale (colui che poi diventò Papa Giovanni XXIII) venne stabilito che la festa si sarebbe svolta ogni 5 anni, perché era talmente bella e sentita dalla popolazione che era un peccato si svolgesse così raramente.

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

Tra pochi giorni si svolgerà la festa (13 settembre 2015, la prossima sarà nel settembre 2020) e Caorle che di solito in questo periodo si appisola adagiandosi sull’idea che un’intensa stagione estiva sta finendo, è più viva che mai.

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

La città, ma anche tutte le frazioni circostanti, sono addobbate a festa nei colori del bianco e del blu. Bandierine, fiocchi, nastri e decorazioni rallegrano le vie, le case e i sagrati delle chiese sventolando alla brezza di settembre, in una divertente gara a chi fa le decorazioni più belle.

Già da un po’ la statua della Madonna ha iniziato ad essere portata in processione tra le frazioni di Caorle, facendo tappa nelle chiese aspettando di essere ricondotta domenica alle ore 16.00 al Santuario della Madonna dell’Angelo, al suo posto originale, con una processione via mare.

Questa è una festa religiosa, ma anche una festa della città: è l’occasione per vedere la piccola Caorle sotto una luce diversa, un’occasione che capita solo una volta ogni 5 anni.

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell'Angelo

Caorle addobbata per la festa della Madonna dell’Angelo