Informazioni pratiche per organizzare un viaggio a Koh Chang

Koh Chang

Durante il nostro viaggio in Thailandia abbiamo cercato di unire nello stesso itinerario metropoli, un po’ di ruralità (il nord della Thailandia) e il mare. La destinazione di mare che abbiamo scelto è stata Koh Chang, un’isola sul golfo di Thailandia che in pochi in Italia sembravano conoscere, sia online che offline. Per questo ho pensato che avrebbe potuto essere utile raccogliere in un articolo del blog le informazioni pratiche per organizzare un viaggio a Koh Chang.

Detto fatto, eccomi qui a scrivere una piccola guida sull’isola ed il suo arcipelago.

SOMMARIO (clicca sul titolo per essere portato direttamente alla relativa sezione della pagina):

Informazioni generali su Koh Chang

L’isola, probabilmente per la sua vicinanza alla Cambogia, che fino al 1990 era guidata dal regime dei Khmer Rossi, ha avuto uno sviluppo rallentato rispetto al resto della Thailandia e forse questa è stata la sua fortuna preservandola da un’eccessiva urbanizzazione e mantenendola il paradiso naturale che è oggi.

Bisogna poi dire che Koh Chang ed il suo arcipelago rientrano nel Parco Nazionale di Mu Koh Chang, un’area protetta di quasi 700 km quadrati che include sia le terre emerse che le acque circostanti, e ne fa ad oggi uno degli arcipelaghi più incontaminati della Thailandia.

L’isola di Koh Chang è ricoperta per l’80% di foresta pluviale disabitata: gli insediamenti umani si concentrano lungo le coste, in particolare quella occidentale e meridionale.

Proprio per il suo essere una zona protetta Koh Chang è considerata una meta ideale per chi cerca un turismo sostenibile e a contatto con la natura e per chi, oltre alle spiagge è interessato ad una vacanza attiva, con escursioni a terra ed in mare.

Koh Chang

Come arrivare a Koh Chang

Koh Chang dista 5-6 ore di auto da Bangkok: è facilmente raggiungibile via terra attraverso delle compagnie di bus e minibus, ma anche in aereo atterrando al vicino aeroporto di Trat.

Personalmente abbiamo scelto l’opzione via terra per raggiungere Koh Chang approfittando di una compagnia che organizza viaggi andata/ritorno in minibus da 8 posti dall’aeroporto internazionale Suvarnabhumi. I biglietti (dicembre 2015) costavano 600 Baht (sola andata) o 900 Baht (andata e ritorno) a persona ed includevano anche il traghetto e il drop off al proprio albergo (bastava comunicarlo al conducente). I biglietti si possono acquistare esclusivamente di persona al banchetto vicino all’uscita n. 8 dell’aeroporto, si contano 3-4 viaggi giornalieri a vari orari del giorno.

Oltre a questa compagnia di minibus vi posso dire che ci sono altre agenzie che effettuano il collegamento con Trat o con l’attracco del ferry per Koh Chang come 99 Express, Cherdchai Tour e Tanakawee.

In aereo il volo da Bangkok a Trat dura circa 1 ora ed è operato al momento esclusivamente dalla Bangkok Airways. In caso si scelga di arrivare in aereo bisogna considerare che dal terminal è necessario prendere un taxi o un minibus fino alla fermata del ferry (a circa 20 km dall’aeroporto).

La traversata in ferry dura circa 20-30 minuti e collega la terra ferma alla punta nord dell’isola da dove è dunque possibile prendere un taxi fino al proprio alloggio (vedi la sezione “Muoversi” più sotto per maggiori informazioni sui taxi a Koh Chang).

Ci sono delle barche/ferry che tutto l’anno collegano la terra ferma con le isole minori di Koh Mak e Koh Kood, in alternativa potete raggiungere queste e altre isole dell’arcipelago anche da Koh Chang salpando dal porto di Bang Bao.

Trat dal ferry per Koh Chang

Dove alloggiare

In tutta l’isola si possono trovare alloggi di varie tipologie e prezzo. Ci sono semplici hotel, resort con bungalow, camere in affitto, campeggi. Le stanze possono essere molto basic (senza aria condizionata, con doccia fredda), fino ad arrivare alle vere e proprie suite nei resort di lusso.

koh chang relax

Non so consigliarvi un posto migliore di un altro per dormire, quello che posso dirvi è che la zona più servita è quella di White Sands, che è anche la preferita dalle famiglie con i bambini. I giovani ed i backpackers prediligono Lonely Beach dove ci sono alloggi economici, parecchi locali e occasioni per divertirsi dalla sera al mattino. Più ci si dirige a sud più si riduce l’offerta di servizi ma in compenso si incontrano lidi più tranquilli e meno animati, campeggi e resort di lusso.

Qui puoi leggere di dove noi abbiamo dormito a Koh Chang

Muoversi a Koh Chang

Nell’isola è consigliabile muoversi con mezzi a motore, siano essi scooter a noleggio o taxi condivisi con altri turisti. Ho visto anche qualche ciclista ma un po’ per le temperature elevate, un po’ perché parte dell’isola è montagnosa con ripide salite e discese, strade non illuminate e manto stradale non sempre curato, vi sconsiglierei di fare affidamento alla bicicletta.

I taxi sono dei pick up con pianale coperto e due panchine per far sedere i clienti. Non esistendo mezzi pubblici sull’isola questo è il mezzo comune per muoversi: ci si ferma lungo la strada e si attende che passi il primo taxi, si dice al conducente dove si vuole andare e si sale a bordo. I taxi percorrono da nord a sud Koh Chang lungo l’unica strada presente quindi è facile trovare mezzi di passaggio e salire e scendere come su un tram.

I prezzi vanno a tratta e sono specificati su dei listini esposti sul retro dei taxi: sai così che se vuoi andare da White Sands a Lonely Beach il percorso ti costerà l’importo indicato.

koh chang in motorino

Il modo più comodo ed indipendente per girare l’isola rimane lo scooter: l’affitto costa 250/300 Baht al giorno ed è consigliatissimo per chi vuole andare ogni giorno in una spiaggia diversa, fare il giro dell’isola e soprattutto per chi non soggiorna a White Sands e vuole muoversi nelle aree limitrofe con comodità.

Noleggiare uno scooter a Koh Chang, ma più in generale in Thailandia, richiede un minimo di confidenza con il mezzo e di attenzione nei confronti degli altri guidatori. Le strade sull’isola sono un po’ pericolose, strette e a volte dissestate, con dislivelli importanti (nella zona sud).

La benzina per lo scooter (gasoline) la trovate in dei distributori atipici: lungo le strade in corrispondenza di bar e negozietti ci sono degli scaffali con allineate bottiglie contenenti il carburante (ad un primo sguardo mi erano sembrate bottiglie di whisky :p ).

Koh Chang

Le spiagge

Le spiagge di Koh Chang si trovano principalmente sulla costa ovest: sono spiagge sabbiose lambite dalla vegetazione (palme ed alberi della gomma), l’arenile digrada dolcemente per questo sono adatte anche ai bambini o a chi non sa nuotare bene. Alcuni accessi al mare sono caratterizzati da tratti di spiaggia rocciosa.

Koh Chang

Le spiagge più famose sono:

  • White Sands Beach, lunga 3 km, sabbiosa e situata in corrispondenza del centro più animato e servito dell’isola.
  • Pearl Beach, rocciosa, dove – quando il mare è più tranquillo – è possibile fare snorkeling e avvistare pesci tropicali.
  • Chai Chet e Klong Prao, sono la parte nord e la parte sud della stessa striscia di sabbia
  • Lonely Beach, amata dai giovani perché sin dall’aperitivo ci sono locali sulla spiaggia che intrattengono i turisti con musica a palla (che prosegue fino a tarda sera). Ci sono comunque delle aree di spiaggia (la parte più settentrionale) riparate e tranquille.
  • Bailan Beach, in parte sabbiosa ma anche rocciosa, è una spiaggia tranquilla con pochi alloggi per backpackers che se ne stanno fianco a fianco a resort di lusso.
  • Kong Koi, una spiaggia pacifica a sud dell’isola, sabbiosa, con acque trasparenti, chioschi dove acquistare un cocco, mangiare un pad thai o farsi fare un massaggio thailandese.

Leggi delle spiagge che ci sono piaciute di più a Koh Chang

Koh Chang

Escursioni sulla terraferma, diving e snorkeling

Il bello di Koh Chang è, come dicevo all’inizio, la possibilità di stare a contatto con la natura facendo escursioni nella foresta pluviale o in barca alla scoperta dei fondali del Parco Marino.

Sull’isola sono numerose le agenzie che organizzano escursioni guidate sia in mare che a terra: il mio consiglio è di rivolgersi a una di queste se si vuole esplorare meglio l’entroterra. Meglio fare affidamento a delle guide esperte se non siete escursionisti esperti perché in mezzo alla vegetazione è possibile perdersi o incontrare animali selvatici.

Koh Chang

Per chi se la sente di andare alla scoperta della wildlife in modo autonomo si possono fare trekking nella foresta o visitare le cascate, le principali sono Klong Nonsi, Klong Neung e Khiri Phet (l’acqua è abbondante tra luglio e dicembre, negli altri mesi possono essere un po’ secche).

E’ praticamente impossibile non rivolgersi alle agenzie anche se si vogliono fare escursioni marine o raggiungere le isole vicine: le agenzie locali organizzano tour in gruppo di vario tipo (la più classica è il tour delle isole con soste per lo snorkeling e pranzo a bordo), oppure è anche possibile – ovviamente a prezzi superiori – noleggiare una barca con guidatore per una giornata o mezza giornata che vi porterà dove vorrete.

Per chi ama le immersioni e vuole fare dei corsi sicuri, magari ottenendo la certificazione PADI, ci sono 4 scuole certificate sull’isola: BB divers, Dolphin Divers, Scandinavian Chang Diving Center e DivingSchool.

Per gli amanti del kayak ci sono vari punti noleggio direttamente in spiaggia: noi abbiamo noleggiato un kayak a due posti per pochi Baht a Kong Koi e abbiamo pagaiato verso il promontorio più a sud della spiaggia.

kayak Koh Chang

Gli animali

Non è insolito avvistare scimmie lungo la strada (amano stare appese ai pali e ai fili dell’alta tensione e aggirarsi vicino ai punti di raccolta dei rifiuti). A tal proposito ho visto che nell’isola c’è una “Monkey school”, in pratica un posto in cui insegnano alle scimmie a rispondere ad ordini così da intrattenere i turisti. Non tanto diverso è l’Elephant Centre che organizza passeggiate anche lungo la spiaggia in sella agli elefanti. Sinceramente questo tipo di “attrazioni”, se così vogliamo chiamarle, mi fanno abbastanza tristezza e spesso gli animali coinvolti vengono maltrattati, quindi ve le sconsiglio.

Per quanto riguarda animali più domestici, nell’isola ci sono moltissimi cani abbandonati che vivono per le strade o in spiaggia, ma in linea di massima mi sono sembrati tutti molto docili, mai aggressivi.

Koh Chang

Non mancano i gechi, gli insetti e gli uccelli che fin dalle prime luci dell’alba cinguettano tra le fronde della foresta.

Pesci tropicali se ne possono avvistare non tanto lungo le coste sabbiose di Koh Chang ma nelle altre isole dell’arcipelago.

Ho dimenticato qualcosa? Se state progettando un viaggio a Koh Chang e avete domande o volete scambiare impressioni scrivetemi pure, fa sempre piacere poter essere d’aiuto! 🙂

More from Vale Diarioinviaggio

5 cose da NON fare a Venezia

Dopo aver letto l’articolo “5 cose da non fare a Milano” su...
Read More

32 Comments

  • Volevamo andarci anche noi ma per via della stagione (settembre) avevo letto che date le piogge la possibilità di trovare tutto chiuso era alta, così abbiamo “ripiegato” su Koh Tao.
    Mi viene quasi voglia di tornare 🙂 anche noi trovavamo tanti cani ed io (da buona stalker canina) mi lanciavo ad accarezzarli tutti, con le sgridate di Diego perché non si sa mai come possano reagire in effetti..però erano tutti buoni e coccolosi!

    • Ciao, io andrò a ko chang il 20 settembre, mi hanno detto che non è stagione delle pioggia, è vero? Sono un po’ agitata sinceramente..come mare invece com’è? Leggevo alcuni forum che non era il massimo..soprattutto su triadvaisor..un sacco di lamentele..noi l’abbiamo scelta principalmente per la sua tranquillità e per il fatto che era poco famosa

      • Ciao Giorgia,
        ti confermo che il mare non è quello da cartolina che trovi in altre destinazioni della Thailandia ma se i motivi che ti portano sull’isola sono quelli che hai descritto non credo che rimarrai delusa. Eventualmente per un mare più cristallino puoi fare un’escursione a una delle isole più piccole dell’arcipelago.
        Per quanto riguarda la stagione delle piogge in linea di massima a Koh Chang va da maggio a ottobre quindi settembre sarebbe ancora dentro il periodo, è anche vero che non è detto che nella stagione delle piogge piova ininterrottamente tutto il tempo: magari ci sono dei forti acquazzoni una volta al giorno, in alcuni casi ci sono periodi in cui piove continuativamente e intensamente, in altri se sei fortunata può capitarti di non vedere nemmeno una goccia… E’ questione di fortuna ma sai che in quel periodo può capitare. Se vuoi sentirti più tranquilla puoi optare per una meta nel golfo di Thailandia che in quel periodo non è interessato dai monsoni.

  • Ciao, sono Paola sto organizzando un viaggio in Thailandia, tre giorni a Bangkok e poi sei a koh chang , sto cercando di orientarmi tra i vari hotel e resort, ma sinceramente non so decidermi, anche perchè ci sono delle diversità di prezzo incredibili; io viaggio con mio marito, comodone, e due figli di 12 e 17 anni, abituati come me a tutte le situazioni, cosa mi consigli? Super resort o bungalow tranquillo ? e soprattutto che zona scegliere? Grazie

    • Ciao Paola! E’ difficile rispondere alla tua domanda perché siete in tanti e mi sembra di capire che avete esigenze di viaggio un po’ diverse 😉
      Considerando che hai un marito comodone e che nell’isola ci si muove con lo scooter oppure con i taxi io quasi quasi vi consiglierei di alloggiare a White Sands Beach che è la zona più viva e dove c’è tutto, poi da lì siete liberi di andare in spiaggia e fare total relax oppure girare in lungo e in largo.
      Anche per l’alloggio è difficile, dipende molto da come vi piace viaggiare. A White Sands Beach ci sono alberghi e resort vari, a Bailan Beach ci trovate dei resort di tutto rispetto (c’è anche un Le Meridien per esempio), a Lonely Beach ci sono dei bungalow nella foresta (anche se non me lo vedo molto da famiglia, ma più da giovani che vogliono strabere, straballare, stradivertirsi).
      Alla fine dei conti ti consiglierei White Sands per la comodità e Bailan Beach e Kong Koi per l’esclusività (fermo restando che l’isola è piccola e puoi raggiungere le varie zone dell’isola in poco tempo).
      Spero di esserti stata un pochino d’aiuto!
      Buon viaggio Paola, salutami Koh Chang 🙂
      Vale

  • Ciao Vale e grazie davvero per il tuo post molto utile. Noi saremo a koh chang dal 30 ottobre al 9 Novembre.
    Quello che ti volevo chiedere era se per caso avevi visitato anche le altre isole come koh kood, koh mak e ko wai e se mi potevi dare un consiglio su come suddividere i miei giorni di permanenza sulle varie isole.

    razie mille intanto

    • Ciao Andrea! No purtroppo no, abbiamo preferito dedicarci al giro dell’isola e non ci siamo spostati sulle altre quindi non saprei proprio come consigliarti su durata. Se ti può servire saperlo però molte delle barche che portano nelle isolette più piccole dell’arcipelago partono dal porticciolo di Bang Bao: qui c’erano molti backpackers che contrattavano passaggi rivolgendosi direttamente alle agenzie lungo il molo o chiedendo nei negozietti (qui tutti fanno tutto e può essere che parli con uno che ha un parente che ha una barca… e che ti offre un passaggio ad un prezzo migliore).
      Divertitevi e godetevi Koh Chang!
      Buoni viaggi
      Vale

  • Ciao vale ! Sto organizzando un viaggio in Thailandia per febbraio che comprende Bangkok e tour del nord. Sono indecisa però sulla settimana al mare.. Se farla a Phuket o a Koh Chang. Tu cosa consigli ? Il clima a febbraio in quest isola É ok ? Grazie!

    • Ciao Joya, io non sono stata a Phuket quindi non saprei dirti come sia, io sinceramente rifuggo un po’ i posti troppo affollati e Phuket non è proprio una destinazione che mi attrae. Koh Chang mi è piaciuta molto e ci puoi trovare sia delle zone tranquille che altre festaiole (puoi leggere gli articoli su Koh Chang che ho scritto per fati un’idea), febbraio é un buon periodo per l’isola.
      Buoni viaggi
      Vale

  • Ciao Vale , prima di tutto mi devo complimentare con te per come riesci a far diventare accattivanti i posti che descrivi e sopratutto grazie per l’utilità delle notizie che ci dai. Sarò a Ko Chang insieme alla mia compagna dal 4 al 9 gennaio prossimo , alloggeremo in un resort a Kae Bae Beach , conosci la zona ? siamo una coppia che ama il relax ma che non disdegna puntatine di mondanità cosa ci consigli ? affittare uno scooter ? di notte le strade buie non sono troppo pericolose con lo scooter? se puoi illuminaci su tutto quello che pensi utile.
    Infinitamente grazie

    • Ciao Efisio, grazie mille per i complimenti, ed ottima scelta per Koh Chang! 🙂
      Personalmente non conosco molto bene Kae Bae Beach perché non l’ho frequentata molto durante il mio soggiorno lì ma ci sono passata attraverso muovendomi da nord a sud dell’isola e dovrebbe essere il giusto compromesso tra gli eccessivi festeggiamenti di Lonely Beach e la pace assoluta. Non mancano i ristoranti e i localini per un drink ma se doveste volervi spostare verso altre zone la sera non vi consiglierei di usare lo scooter perché le strade sono buie e hanno molte curve – non sono pochi i casi di incidenti – eventualmente potete prendere uno dei classici taxi condivisi (delle jeep con pianale dove stanno sedute più persone e che fanno la spola lungo tutta l’isola).
      Per il resto penso di aver concentrato tutte le mie conoscenze nell’articolo! ^_^
      Vi auguro un bellissimo viaggio!
      Vale

  • Ciao Vale, sto organizzando il mio viaggio di nozze in thai e finalmente ho scelto l’isola dove trascorrere 10 giorni, ovvero ko chang. volevo chiederti della compagnia di autobus di cui parli dall’aeroporto… ho visto che l’aereo è troppo caro , quindi vorrei prendere l’autobus …ma dove ci lascia? è compreso anche il traghetto per ko chang? grazie

    • Ciao Valentina!
      Con gli autobus (in realtà sono minibus da 8-10 posti) io mi sono trovata molto bene, l’unica seccatura è che non si poteva prenotare in anticipo il bus online ma solamente al banco della compagnia in aeroporto. Nel nostro caso noi siamo atterrati a Bangkok, abbiamo prenotato subito i nostri posti in bus (per la data e l’ora che volevamo) e abbiamo proseguito il nostro viaggio tra Bangkok e il Nord della Thailandia, poi il giorno stabilito ci siamo ripresentati in aeroporto e tutto è filato liscio come l’olio.
      Il viaggio in bus include il traghetto fino a Koh Chang e il trasporto fino al tuo alloggio sull’isola (una volta sul bus comunichi al conducente il nome dell’hotel e lui ti ci porta). Al ritorno invece il pick up al tuo albergo non è incluso nel prezzo ma lo puoi richiedere per un extra (non ricordo la cifra ma si parla di un costo minimo e te lo consiglio perché è più comodo di un taxi – e probabilmente anche più economico).
      Se hai altre domande scrivimi pure anche via mail, se posso ti aiuto volentieri! 😉
      Buon viaggio!
      Vale

  • Ciao,andrò in Thailandia ad agosto e stavo puntando a Koh Tao per evitare il più possibile le piogge. Koh Chang ad agosti è sconsigliata?

  • Ciao Vale ,
    Innanzitutto complimenti per il vostro blog. Avrei bisogno del tuo aiuto e della tua esperienza.
    Generalmente a Dicembre io e mio marito facciamo una vacanza di 15 gg. verso una meta che ci permetta di conoscere la cultura e le principali attrazioni del paese e dedicare poi una settimana al relax in qualche isola con spiaggia e mare incantevoli. Pensavamo di recarci in Thailandia del nord per un giro classico e finire la vacanza a ko Chang, ma leggendo la tua recensione e vedendo le foto non mi sembra che sia l’isola da sogno
    che cerco. Mi hanno suggerito anche Koh Lipe più vicino alla Malesia, ne sai qualcosa?
    Ed infine volendo cambiare completamente itinerario avresti un paio di mete da suggerirci per ile prossime
    vacanze natalizie con un soggiorno al mare indimenticabile?
    Grazie mille.

    • Carissima Mariella, grazie del tuo messaggio e dei tuoi complimenti che sono sempre molto ben accetti e fanno bene al cuore!
      Io in Thailandia sono stata solo a Koh Chang quindi non so fare comparazioni, né darti consigli derivanti dalla mia esperienza diretta su altre spiagge thailandesi, quello che posso dirti è che ho amato tantissimo quest’isola. Ci sono delle zone con acqua più bella e altre con acque meno belle, alcune parti dell’isola io non le ho nemmeno viste perché sono stata 5/6 giorni e non ho avuto modo di esplorarla tutta, così come non ho avuto tempo di visitare le altre isolette più piccole. Ad ogni modo non credo che troverai in altre parti della Thailandia una vegetazione così bella che includa giungla, spiagge, villaggi su palafitte… Una meraviglia!
      Guarda questo video e prendi la tua decisione (https://www.facebook.com/itsbetterinthailand/videos/903749673114795/), io in ogni caso te la consiglio! 🙂
      Buoni viaggi
      Vale

  • per caso sono entrato in questo blog, mi piaciuto molto, tutto descritto molto bene. Kho Chang deve essere un’isola molto bella ancora incontaminata. Io sono amante del verde e li dovrebbe essere il posto ideale. Nel mese di gennaio-febbraio vorrei organizzare un viaggio a Bangkok e poi vorrei scoprire quest’isola. Quale zona mi consigli ? ho letto di Lonely beach di Khai Bea, (una zona con spiaggia bella, servita da negozzi cc).
    Grazie per una risposta.

  • Ciao Vale , lo scorso novembre siamo stati ( io e la mia famiglia moglie e figlio di 17 anni) a look Kood ed e’ stata una vacanza incantevole…. il posto (l isola paradisiaca) volevo sapere se andando a coh Xiang ( parco naturale Marino) era meglio … per la spiaggia x il mare x il cibo i prezzi ,il divertimento in generale …pro e contro o se hai da proporci in altra isola incontaminata come quella di look Kood.
    Tieni presente che noi andiamo x il mare e non per altro…fammi sapere grz ciaoo

    • Ciao Fabrizio,
      mi dispiace ma non essendo stata a Koh Kood non so fare un paragone. A Koh Chang le spiagge non sono tutte stupende (sono stata a Koh Lipe a febbraio e lì era veramente da cartolina) ma ce ne sono alcune che mi sono piaciute più delle altre (per esempio Khong Koi Beach l’ho scoperta solo alla fine ma con il senno di poi sarei andata lì sempre perché tranquillissima e servita).
      Hai già letto il mio post sulle spiagge a Koh Chang, te lo linko qui http://www.diarioinviaggio.it/2016/02/08/spiagge-di-koh-chang/
      Credo che Koh Chang non sia incontaminata ai livelli di quella in cui sei stato tu, lo dico solo perché perché essendo Koh Chang la principale dell’arcipelago penso sia anche quella più viva e di passaggio, certo è che il turismo qui non è ancora ai massimi livelli. In ogni caso trovi offerte per ogni esigenza: ci sono resort che si trovano in aree appartate e lontane da tutto, nella parte nord-est dell’isola non ci sono molti insediamenti e si può andarci per fare escursioni nella natura, Lonely Beach è la meta di giovani che fanno casino fino al mattino nei locali…

  • Ciao, a dicembre sarò in Thailandia e vorrei andare a Koh Kood, I trasferimenti si possono fare direttamente dall’aeroporto e quali sono gli orari di partenza? Grazie in anticipo per una vostra risposta.
    Augusto

    • Ciao Augusto,

      come scritto nell’articolo noi abbiamo prenotato il transfer direttamente all’aeroporto dopo essere atterrati. Non mi risultava all’epoca possibile prenotare online in anticipo ma solo in questo modo, non so se nel frattempo le cose si siano evolute.

      La compagnia di cui ti parlo si trova all’uscita n. 8 dell’aeroporto.
      Buon viaggio!
      Vale

  • Grazie, Vale per la risposta.
    Mi potresti dire quale è la compagnia che fa questi trasferimenti e se hai idea sugli orari di partenza? Se non hai tutte le info posso eventualmente cercare se sul loro sito, se esiste, tutto quello che mi serve. Grazie.
    Augusto

  • Ciao
    Innanzitutto complimenti per il post
    Volevo sapere nel video di kho chang al quale hai fatto riferimento piu’ volte si vede una passerella di legno lunga che corre in mezzo alla laguna ricca di vegetazione,dove si trova esattamente questa passerella ?
    Grazie
    Ciao

  • Ciao , saremo a koh chang a fine dicembre a khong koi beach, ho letto però del problema delle sandflies, è vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *