Non categorizzato

Street photography tra le vie di Oviedo

street photography a oviedo

Riprendiamo il nostro viaggio on the road nel nord della Spagna lasciando l’affascinante Comillas che ci saluta con un bel cielo azzurro infarcito di nuvole bianche che rende la vista di quei luoghi ancora più suggestivi. Purtroppo abbiamo tappe obbligate in questo viaggio, ma le bellissime spiagge della Cantabria meriterebbero qualche scatto in più. Per chi ama la fotografia di paesaggio, un grandangolare molto spinto, un set di filtri ad alta densità ed un treppiede sono il complemento ideale per cercare gli scorci migliori di queste splendide coste.
Ad Oviedo, nostra destinazione di oggi, ci attenderanno invece spunti fotografici diversi: ci cimenteremo con la street photography. Ma andiamo con ordine.

Proseguiamo in direzione ovest, verso le Asturie, terre ricca di storia e di fascino. Nel tragitto verso Oviedo, destinazione finale della nostra terza tappa, c’è il posto che più interessa a Giulia e Filippo di tutto il viaggio: il MUJA, il Museo del Giurassico delle Asturie.

street photography a oviedo

Il museo si trova a Colunga a 18 km circa dalla graziosa cittadina di Villaviciosa, in una splendida collina con vista sul mare, con un bel parco nel quale “spuntano” diverse riproduzioni di animali preistorici a grandezza naturale. Un posto che non può non affascinare i bambini. E non solo… Ci sono infatti parecchie curiosità da scoprire anche per gli adulti che possono trascorrere un’oretta di relax girovagando tra ossa e reperti preistorici, magari dopo aver lasciato i propri figli allo staff del museo stesso che offre interessanti laboratori didattici per i più piccoli quasi ogni ora.

street photography a oviedo

Tra le molte cose interessanti del museo, ci sono delle mappe interattive che permettono di scoprire le zone nelle quali poter andare a caccia di orme preistoriche: le coste delle Asturie sono infatti ricche di reperti del passato, dove il fascino della storia si mescola alle meraviglie della natura.

Finita la visita al MUJA, prima di ripartire alla volta di Oviedo, non ci lasciamo scappare l’occasione di andare alla ricerca di uno dei tanti affascinanti fari che si trovano nelle coste del nord della Spagna.

Così, dopo una breve visita al molo della cittadina di Lastres ci siamo addentrati in strette vie di campagna fino ad arrivare alla fine di un piccolo promontorio a picco sul mare sul quale svetta il bianco faro di Lastres.

street photography a oviedo

Un posto isolato da cui si gode una magnifica vista in mezzo ad un variopinto susseguirsi di campi e mandrie di vacche che permettono di estraniarsi dal vivace via vai turistico delle spiagge limitrofe.

Per gli amanti di fotografia è certamente un posto ricco di spunti e scorci spettacolari. A mio parere, tuttavia l’ideale è arrivare nelle prime ore del mattino, per ottimizzare la luce del sole. Nel tardo pomeriggio, orario in cui siamo arrivati noi, il sole posizionato sulla sinistra guardando l’orizzonte può rappresentare un limite per chi volesse immortalare le splendide coste dall’alto del promontorio. Anche se con un po’ di creatività ogni ora è buona…

Così, dopo aver goduto dalla scogliera della vista del Cabo di Lastres ed esserci rilassati con il rumore delle onde sugli scogli, ripartiamo alla volta di Oviedo.

Scattando fotografie a Oviedo

Arrivando ad Oviedo avvertiamo subito un’atmosfera decisamente più “contemporanea”, piuttosto distante dalle sensazioni e dai ritmi che ci avevano trasmesso le coste cantabriche e asturiane.

street photography a oviedo

Tuttavia, la città sa alternare piacevolmente strade trafficate e le vie per lo shopping a scorci pittoreschi ed architetture affascinanti.

Così, approfittando della situazione, mi sono dedicato alla street photography in tipico stile “cittadino” cercando di sfruttare le linee geometriche degli edifici. In questi casi, la ricerca della luce migliore per ottenere piacevoli effetti visivi da ombre e contrasti diventa un elemento chiave per incorniciare i ritmi della quotidianità.

street photography a oviedo

Se poi, come è capitato a noi, avete la fortuna di avere una camera con vista sulla strada sottostante, osservate con attenzione l’andirivieni della vita sotto alla vostra finestra. Con un po’ di attenzione ad orari e situazioni, potreste ritrovarvi a scattare qualche immagine interessante già dalla vostra stanza d’albergo, magari restando comodamente in pigiama e pantofole. 🙂

street photography a oviedo

Un’altra piacevole caratteristica delle città più moderne (per gli appassionati di fotografia) è la possibilità di utilizzare le vetrine delle vie più commerciali per migliorare le vostro foto ricordo, approfittando di luci e scenografie per rendere meno “banali” le immagini famigliari. Oltretutto, specie per chi come me ha figli (o parenti) che non amano stare in posa, sfruttare situazioni simpatiche o cornici naturali rende meno “stressante” restare davanti all’obiettivo anche ai nostri soggetti.

street photography a oviedo

Per chi è sempre a caccia di immagini, anche in situazioni apparentemente “banali” consiglio di guardarsi sempre bene attorno in cerca di spunti o curiosità. Senza dimenticare di alzare o abbassare lo sguardo. A volte, tra palazzi insignificanti o abitazioni asettiche si celano piccoli scorci che una buona composizione può rendere interessanti.
Come è capitato a me con questa foto in cui, tra le finestre di un palazzone anonimo, l’insolita “vetrina” di un parrucchiere è diventata una ironica immagine grazie ad un attento uso degli elementi compositivi come le simmetrie e le cornici.

street photography a oviedo

Anche una sosta per un caffè o un thè può diventare a volte un modo per “recuperare” qualche immagine di vita quotidiana. Un bar in fondo è un microcosmo in cui si riflettono abitudini e ritmi della città stessa, luogo perfetto per catturare attimi o personaggi che possano raccontare in uno scatto le sensazioni che volete portare a casa tra i vostri ricordi.

Non so se in questa foto ad esempio io sia più attratto dalla placida eleganza della coppia di maturi sposini o dal ricordo del gusto di uno dei tipici “dolcetti” spagnoli che si nota nel piattino: il churro.

Beh… in foto in effetti non dice molto, ma vi assicuro che un churro inzuppato nella cioccolata calda è una delle cose da non farvi mancare assolutamente se organizzate un viaggio in Spagna 😉

street photography a oviedo

Oviedo riserva inoltre un caratteristico centro storico, il casco antiguo, piccolo ma molto affascinante nel quale troverete diversi scorci ricchi di storia e fascino.

street photography a oviedo

Tra questi merita sicuramente una nota particolare la statua di Ana Ozores, la protagonista di uno dei romanzi più importanti della letteratura realista spagnola, la “Regenta” di Leopoldo Clarin, riconoscibile dalla fila di turisti (giapponesi in primis) in coda per un selfie…

street photography a oviedo

Non potete mancare anche una visita alla Cattedrale de San Salvador, splendido complesso architettonico gotico e barocco che custodisce al suo interno un prezioso gioiello dell’arte romanica, la così detta Camara Santa, voluta dal re Alfonso il saggio per nascondervi i tesori della Spagna Cristiana.

street photography a oviedo

Dopo un’estenuante camminata immersi tra la storia e la quotidianità di Oviedo, non possiamo però esimerci dal provare una delle tradizioni più conosciute della città: la degustazione del sidro, bevanda alcolica ottenuta dalla fermentazione alcolica dei frutti delle mele che si narra che gli asturiani bevano fin dall’VIII secolo.

Appena fuori dal casco antiguo c’è infatti un intera via, Calle de la Gascona, rinominata el bulevar del sidra in cui troverete tantissimi locali, le sidrerias appunto, dove assaggiare questa particolare bevanda.

street photography a oviedo

Il sidro viene servito versandolo nel bicchiere da una bottiglia tenuta alta oltre la testa dal cameriere (cosa che lo rende leggermente frizzante) e consumato in un unico sorso mentre è ancora frizzante.

Un rito che non potete mancare, se non altro per restare ammirati dalla abilità dei camerieri che riescono a versare il sidro senza guardare né la bottiglia né il bicchiere, continuando amabilmente a parlare o scherzare con voi.

Un consiglio: se come me volete provare a portarvi a casa una fotografia di uno dei tanti abilissimi camerieri delle sidrerias ricordate di scattare prima di assaggiare il sidro.

Dopo potreste essere un po’ troppo contenti dell’esperienza e avere la mano un po’ troppo instabile per riuscire a scattare. 🙂

Consigli di street photography

Riassumendo qualche consiglio utile per le vostro foto:

  1. Se vi dedicate alle foto di street photography osservate con attenzione ombre e linee geometriche per raccontare la città. Aspettate il momento migliore e possibilmente inserite qualche elemento umano nella scena per rafforzare il racconto.
  1. Per ottimizzare la composizione delle vostro foto “cittadine” sfruttate il forte potere visivo delle simmetrie e delle cornici naturali (archi, finestre, inferiate…) per guidare lo sguardo sui vostri soggetti.
  1. Osservate con attenzione. Non solo a destra e sinistra, ma cercate continuamente spunti anche guardando verso l’alto, tra i palazzi o scovando qualche particolare interessante sulla strada.
  1. Le persone del posto, le loro abitudini, i riti e le tradizioni dei luoghi sono elementi che vale la pena raccontare per distinguere e caratterizzare le vostro foto e riassaporare una volta a casa l’atmosfera tipica dei posti che visitate.

Alla prossima… in viaggio verso Leon e Burgos!

 

Leggi le altre tappe del mio viaggio on the road nel nord della Spagna:

Un giorno a Bilbao tra arte e fotografia

Visitare Comillas: architettura, atmosfere noir e vista sull’oceano